Workshop di danza Contemporanea, acrobatica, moderna.

Immagine1.jpgLa danza è un’arte da sublimare con tantissime ore di allenamento e buona volontà.

8/9/10 Ottobre 2011, vengono proposti una serie di Workshops di perfezionamento, proprio per danzatori e danzatrici, qui, a Bari.

Un percorso di formazione professionale rivolto a giovani danzatori articolato in 2 week end, laboratori e incontri con alcuni dei coreografi della III edizione della rassegna “Ai confini del corpo” 2011. Il tutto a cura della Compagnia KATAKLO’Athletic Dance Theatre .

Destinato: a Danzatori, Ginnasti ed Acrobati. Vedrà una prima fase di audizione e una seconda di perfezionamento.

Cosa importante, durante lo Stage i più meritevoli verranno selezionati e potranno usufruire di una Borsa di Studio, che permetterà di partecipare ad un pacchetto di lezioni gratuite dell’ Accademia Kataklò Giulia Staccioli all’interno della sede DANCEHAUS Susanna Beltrami Milano.

Un’opportunità da non perdere per accedere al corso di Professional Athletic Theatre (PAT), corso di alta formazione diretto dalla coreografa Giulia Staccioli, rivolto a Ginnasti/Acrobati con attitudini alla Danza e a Danzatori con attitudine all’Acrobatica. L’accesso al corso Professional Athletic Theatre è consentito al compimento dei 16 anni.

Mentre, dopo il corso del workshop di Danza Contemporanea con Simona De Tullio, verranno assegnate n.2 borse di studio parziali per la partecipazione a uno degli stages in programma nella primavera 2012 “Incontri internazionali di danza”.

Dal 22-23 Ottobre 2011, invece, vi attendono Workshops di danza moderna con Stella Ciliberti di Astraballetto, Lucrezia Cafarchio della Youhko Dance Company, Gianluca Fonseca di silent poets e Sara Accettura della Junior dance Company.

 

Per accedere alla selezione e’ necessario inviare cv e foto a selezioni@associazioneartcompany.com entro il 26 settembre. Entro il 30 settembre verranno comunicati gli esiti delle selezioni.Quota di partecipazione: Euro 30,00.Sara’ rilasciato attestato di partecipazione previa partecipazione all’intero ciclo di workshops.

L’occasione merita. E la formazione per cimentarsi nella difficilissima carriera del ballerino professionista pure. Perché non di soli talent-show vive un vero artista.

A piedi nudi sulle nuvole

 

1.jpgQuando ero piccola, la Mamma, pur di non ingabbiare la mia fantasia, allestì un muro apposito che ospitasse tutte le creazioni grafiche su appositi fogli appesi con delle puntine.

Era la mia galleria, il luogo dove, poi, amici e parenti potessero ammirare le opere d’arte che rappresentavano luoghi reali e immaginari, personaggi di favole, animali e istantanee del cuore.

In maniera del tutto casuale, ho scoperto una bella iniziativa di cui voglio farvi sapere qualcosa. Per motivi di tempistica, non sono riuscita a parlarvene prima, mi sembra giusto riparare, per far capire anche quanto Bari si muova, in maniera costante, anche intorno al mondo dei più piccoli.

yle=”text-align: justify;”>“A piedi nudi sulle nuvole…incontro casuale tra un aereo e un angelo” curata dalla mp;nbsp;scuola dell’Infanzia paritaria “C’eraunavolta…”, a Bari in via Milella 55, è una mostra ospitata il 3 e 4 luglio, nell’atmosfera fiabesca della Torre Pelosa, a Torre a Mare, dove comincia un viaggio sospeso tra il mare e le nuvole: in volo come un angelo o un aereo. Un incontro che i bambini hanno voluto raccontare a loro modo, pieno di colori, di suggestioni creative uniche e sorprendenti dietro la guida delle loro insegnanti e l’ideazione e l’allestimento della scenografa Annika De Tullio.

La mostra chiude, come ogni luglio, il lungo lavoro di un intero anno scolastico esponendo e raccontando il singolare modo di crescere dei piccoli alunni di questa scuola, che usa la creatività e i sogni come metodo per realizzare un “progetto” di vita. Un vernissage non convenzionale, per scoprire i nostri bambini, confrontandoci con la loro arte, ricercando un po’ di quel mondo fantasioso che, per strada, abbiamo perduto nella frenesia della vita quotidiana.
Con la consulenza didattica e pedagogica di Alma Tigre e a cura di Amelia Chieco, Alessia Colaianni, Antonella Lopriore, Dina Pesce e Teresa Tattolo, la mostra, purtroppo, si è conclusa ieri. Sono felice, però, di potervi far vivere la creatività dei bambini, attraverso il report fotografico di Gemma e Gianluca, genitori di Michele, uno dei piccoli artisti espositori.

 

Vi lascio alle immagini —->del nostro album<—- per volare con le opere dei giovanissimi creativi, proponendovi una citazione dal Piccolo Principe, sulla quale fermarci a riflettere:

 

Tutti i grandi sono stati bambini una volta
(Ma pochi di essi se ne ricordano.)

A qualcuno piace donna

aqualcuno.jpg

L’Amore , il corteggiamento, il matrimonio, il tradimento, la gelosia, la fedeltà.Tutto comincia e tutto finisce con la donna, anzi: tutto dalla donna viene e tutto alla donna torna.

La Breathing Art Company è una compagnia prevalentemente al femminile, e come nei film, quando si condividono tante ore in sala prove, ci si scambia anche storie di vita vissuta, sogni, proiezioni e sospiri sul Principe Azzurro ideale.

Proprio queste storie, si materializzano nel corpo del protagonista di scena nello spettacolo ” A Qualcuno Piace Donna”, a Turi, sabato 22 Agosto , in Piazza Capitan Colapietro, ore 20:30.

Per le splendide coerografie di Simona De Tullio, ha debuttato a Salerno al Festival Nazionale della n87039963070_7138.jpgCreatività Giovanile per conto del Comune di Bari lo scorso 27 luglio, riscuotendo già un grande successo di pubblico. L’estate pugliese, l’ha visto protagonista nelle piazze estive con la collaborazione dei Comuni e della Provincia di Bari.

“A qualcuno piace donna” presenta vizi e virtù del mondo femminile, con donne che giocano a dare di sé l’immagine attesa dalgenere maschile , estremizzando e ridicolizzando clichés e luoghi comuni legati all’immagine del gentil sesso, che  si divincola dalle catene del comune pensare, esprimendosi tutto il suo impeto.

Il gioco è l’essenza di questo spettacolo: il rapporto uomo-donna, e la dinamica che, con un velato sorriso , smaschera rapporti sottili e ambigui del mondo femminile.

La donna proposta in questo spettacolo è sempre in attesa dell’Eroe, che ha perso il suo cavallo bianco e si ritroverà faccia a faccia non più ad una donzella da salvare, ma ad un’arrivista spietata, padrona del mondo, presa  dall’esaltazione della sua stessa femminilità.
Ironia e sarcasmo dominano un viaggio spettacolare che ,con un amaro sorriso, si sofferma a ridere (e sorridere) di se stesso. Intrattenimento leggero e brillante sull’essere donna o, almeno ,sul tentativo di ritornare agli antichi canoni uomo-donna tra gesti, parole, sguardi.

Non ho voluto attaccare il mondo maschile” ci racconta Simona De Tullio “ma prendere coscienza del piacere che l’emancipazione femminile un po’ ci ha rubato, nell’essere femmine e femminili“.

Regaliamoci, quindi, una serata diversa il prossimo week-end, alla ricerca della donna che era, ma che potrebbe anche tornare ad essere.

Con le amiche, con il partner, con la famiglia. Riscoprendo la danza, unica ed incredibile forma di comunicazione, come momento di scambio e confronto originale, attraverso i corpi, le espressioni, la professionalità di Anna De Filippis, Raffaella Tricarico, Romina Pergolizzi, Francesco Colonna.

E della Breathing Art Company.