A volte, i Beatles, ritornano

beatles, magical, mistery, tour, multicinema, galleria, bari, multisala, eventi«Magical Mystery Tour», il più visionario film dei Beatles viene presentato per la prima volta sul grande schermo nella sua versione restaurata in alta definizione con audio Dolby Digital 5.1 e il “Making Of” con interviste inedite.

I fan lo hanno atteso per anni. Ma forse non immaginavano di poterlo riscoprire anche su grande schermo proprio a cinquant’anni dall’esordio discografico dei Fab Four. È il settembre del 1967, quando sull’onda dello straordinario successo di “Sgt. Pepper”, i Beatles danno vita a un film interamente ideato e diretto da loro. Caricano su un pullman una troupe cinematografica, amici, familiari e cast (tra cui spiccano Ivor Cutler, Victor Spinetti, Jessie Robins, Nat Jackley, Derek Royle e l’inimitabile Bonzo Dog Doo-Dah Band, oltre ai Beatles che interpretano se stessi) e lasciano Londra per dirigersi verso ovest sulla A30, destinazione Cornovaglia: Magical Mistery Tour sta prendendo vita.

Il film cult dei Beatles esploderà con i suoi effetti psichedelici sul grande schermo al Multicinema Galleria, nel resto d’Italia e contemporaneamente in diversi paesi del mondo tra cui Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone. Oltre al film i fan troveranno su grande schermo immagini inedite del “Making of Magical Mystery Tour” (con interviste a Paul, Ringo ed altri membri del cast e della troupe) e un approfondimento sui vari protagonisti del film. Tutto a pochi mesi dal successo in sala del documentario di Martin Scorsese George Harrison: Living in the Material World, che ha conquistato pubblico e appassionati. 

Basato su un racconto libero e improvvisato, secondo lo spirito sperimentale del tempo, Magical Mistery Tour fu l’innovativa chiave di volta per presentare sei nuove canzoni: “Magical Mystery Tour”, “The Fool On The Hill”, “Flying”, “I Am The Walrus”, “Blue Jay Way” e “Your Mother Should Know”. «Paul disse ‘Ho avuto questa idea’ – spiega Ringo Starr – e noi ci siamo detti ‘Grande!’. Tutto ciò che aveva era il disegno di questo cerchio con un punto sopra: è lì che abbiamo iniziato».

Una volta concluso, Magical Mistery Tour venne trasmesso in bianco e nero alle 20,35 su BBC1 il giorno di Santo Stefano del 1967 ad un pubblico di famiglie in attesa di un intrattenimento leggero in stile natalizio. A quasi mezzo secolo di distanza, Magical Mistery Tour è diventato ormai un cult movie che arriva per la prima volta al cinema dopo un restauro voluto dalla Apple Films, supervisionato da Paul Rutan Jr. dell’Eque Inc. (la stessa società che ha curato l’acclamatissimo restauro di “Yellow Submarine”) e dopo uno scrupoloso lavoro sulla colonna sonora eseguito presso agli Abbey Road Studios da Giles Martin e Sam Okell.

In Italia la proiezione di Magical Mistery Tour è distribuita da Nexo Digital in collaborazione con Emi Music Italy e in partnership con MYmovies e Radio Capital.

Il film sarà in proiezione mercoledì 26 settembre al Multicinema Galleria di Bari (Corso Italia15/17) nei seguenti orari: 16.30 – 18.30 – 20.45 – 22.30. Costo biglietto: 10 euro (intero), 8 euro (ridotto per under 8, over 65, studenti universitari e convenzioni Multicinema Galleria). Infotel: 080.521.45.63.

Bari(Bari)

Multicinema Galleria

16.30 – 18.30 – 20.45 – 22.30

ingresso a pagamento

 

Quell’eretico di Caparezza

Immagine1.jpg…figlio di una maestra e di un operaio che suonava in un gruppo musicale, Michele cominciò a cantare da bambino. Studiò ragioneria presso l’istituto tecnico di Molfetta, anche se avrebbe voluto fare il fumettista. Dopo il diploma decise di occuparsi di pubblicità e vinse una borsa di studio per l’Accademia di Comunicazione di Milano, ma ben presto abbandonò il mondo pubblicitario per dedicarsi a tempo pieno alla musica.

Iniziò la sua carriera come rapper col nome di “Mikimix”, componendo canzoni melodiche e musica minimale, ma con scarsa valenza artistica e con poco successo. Conduce in televisione Segnali di fumo, programma musicale di VideoMusic in compagnia di Paola Maugeri. Dopo alcune serate nei locali di Milano esordì al Festival di Castrocaro. Partecipò nel 1995 a Sanremo Giovani, con la canzone Succede solo nei film ed al Festival di Sanremo 1997, nella categoria nuove proposte con E la notte se ne va, pubblicando successivamente un album dal nome La mia buona stella, prodotto dalla casa discografica Sony.

Ritornato a Molfetta, continuò a comporre nel suo garage. Si fece crescere capelli e pizzetto e cambiò il nome in Caparezza (testa riccia in dialetto molfettese, nome assegnatogli a causa della sua riccia e vaporosa acconciatura) e realizzò nel 1999 tre demo dai titoli Ricomincio da Capa, Con Caparezza… nella monnezza e Zappa. Il suo primo album, ?!, fu pubblicato nel 2000, riprendendo 12 su 14 tracce dai demo. Il livello delle composizioni ebbe il favore del pubblico sebbene la parte musicale non fosse ancora curata come nel lavoro successivo, Verità supposte (2003), quello che lo farà approdare al successo. Nel 2006 arriva il terzo album, Habemus Capa.

Un tour fatto di oltre 50 date, il suo,  che farà tappa a Bari il prossimo 29 dicembre: è questa la data nella quale al Palaflorio arriverà l’irriverente e trascinante musica del cantante molfettese Michele Salvemini, in arte Caparezza, con il suo ‘Eretico Tour’. In una chiusura di 2011 che si prospetta scoppiettante, il riccioluto cantante nostrano trascinerà la folla barese con alcuni dei pezzi più suonati dell’ultimo periodo come ‘Goodbye Malinconia’ o l’ultimo singolo ‘Legalize the premier’ per passare poi a grandi successi del passato come ‘Vengo dalla luna’ o ‘Vieni a ballare in Puglia’.

Il costo dei biglietti, in vendita sul circuito Bookingshow, è di 18 euro

Microsoft & Community Tour 2010, a Bari

Immagine1.jpgSto alla programmazione come una farfalla al wrestling. Io. Ma c’è chi di queste robe ne mastica bene. Benissimo. Anzi. Motivo per cui non potevo non segnalarvi questa grandissima opportunità che inserisce Bari in un tour Microsoft molto ampio, dando (finalmente) anche alla nostro Capoluogo un posto d’onore tra i catalizzatori di menti informatiche d.o.c. . Non deludiamo le aspettative e facciamo in modo che un grande evento come questo non rimanga isolato nel deserto formativo che ci ha sempre contraddistinto (in negativo), rispetto al resto d’Italia, partecipando numerosi.

Nicola Ferrini lavora come Microsoft Certified Trainer (MCT) in diversi centri Microsoft CPLSNicolaF.jpg(Certified Partner for Learning Solutions) in tutta Italia. La sua esperienza vanta diverse migliaia di ore di docenza all’attivo ed è un appassionato di virtualizzazione, sia a livello server che a livello applicativo. Si è avvicinato all’informatica nel 1998 e da allora è iniziata una grande passione che lo ha portato a perfezionarsi e a conseguire prestigiose certificazioni internazionali, diventando prima MCSE ed MCT, fino alle più attuali MCTS ed MCITP. Si occupa principalmente di formazione, technical writing e systems engineering.

Il 12 Ottobre (segnatevi questa data) vi mostrerà le ultime novità relative alla virtualizzazione in Windows Server 2008 R2 e come Hyper-V 2.0 e i Remote Desktop Services permettano di creare un’infrastruttura IT dinamica e facilmente gestibile. Con una serie di demo illustrerà l’attuale soluzione Microsoft per la Virtual Desktop Infrastructure (VDI) e l’uso di System Center Virtual Machine Manager 2008 R2 per gestire al meglio datacenter virtualizzati. Inoltre verrà mostrato come distribuire applicazioni a 32 bit e a 64 bit in modalità  virtualizzata, tramite l’utilizzo di Microsoft Application Virtualization (App-V) 4.6. Verranno discussi i vantaggi relativi alla semplicità di distribuzione, personalizzazione e aggiornamento degli applicativi sia sui Desktop che sui Remote Desktop Services. In particolare verrà dato rilievo al miglioramento dell’efficacia delle attività di installazione e gestione degli applicativi e all’esecuzione side-by-side con le versioni precedenti. La conferenza dura tutta la giornata e ci sarà anche la presenza di uno dei due Microsoft Evangelist IT Pro italiani.

Agenda della tappa di Bari

09:00 / 09:30 – Registrazione

09:30 / 10:30 – Architettura di Hyper-V 2.0
Speaker: Nicola Ferrini, WindowServer.it
10:30 / 11:30 – Windows Server 2008 Service Pack 1
Speaker: Gi orgio Malusardi, IT Pro Evangelist Microsoft Italia
11:30 / 11:45 – Break
11:45 / 13:00 – Progettazione e gestione di datacenter virtualizzati dinamici 
Speaker: Nicola Ferrini, WindowServer.it
13:00 / 14:00 – Pranzo Libero
14:00 / 15:00 – Implementazione di una Virtual Desktop Infrasctructure (VDI)
Speaker: Nicola Ferrini, WindowServer.it
15:00 / 15:15 – Break
15:15 / 16:15 – Introduzione a Microsoft Application Virtualization (App-V)
Speaker: Nicola Ferrini, WindowServer.it
16:15 / 17:15 – Application virtualization vs Presentation virtualization
Speaker: Nicola Ferrini, WindowServer.it

17:15 – Chiusura Lavori
Iscrivetevi numerosi —> QUI <— inserendo l’ID evento 1032463554 . E lasciamo che “i cervelli” non fuggano. Ma rimangano in Puglia. Per produrre, crescere, lavorare. Soprattutto. Lavorare.
Diffondete. Viralizzate. Fatelo sapere a tutti i vostri amici interessati.

La Notte dei Briganti

 

Immagine1.jpgPer brigantaggio, termine originariamente riferito a fenomeni di banditismo generico, si suole definire una forma d’insurrezione politica e sociale sorta nel Mezzogiorno italiano durante il processo di unificazione dell’Italia e il primo decennio del Regno. Gli autori della resistenza furono infatti definiti, in senso dispregiativo, briganti dai sabaudi. Secondo diversi storici considerando che gli schieramenti tra loro nemici impegnarono notevoli risorse in uno scontro armato all’interno del nuovo Stato italiano, si può definire guerra civile quella che fu allora combattuta.

Il termine brigante è inteso, genericamente, come persona la cui attività è fuorilegge. Sono spesso stati definiti briganti, in senso dispregiativo, combattenti e rivoltosi in determinate situazioni sociali e politiche.

Sylva Tour & Didactis, è un gruppo di giovani animati dalla volontà di valorizzare e rendere fruibile27537_95168945613_1804_n.jpg il patrimonio culturale non solo artistico, ma anche ambientale e paesaggistico del nostro territorio. L’equipe è formata da personale valido e qualificato nel settore storico e turistico, con laureati in Conservazione dei Beni Culturali, Lingue, Scienze Agrarie, Scienze Forestale ed Esperti di Informatica, perché convinti che affidarsi a personale esperto garantisce sempre la perfetta risposta alle più diverse aspettative.

Loro è l’idea e l’organizzazione de “la Notte dei Briganti”, sotto la direzione artizita di Luca De Felice. Presso la Fondazione F. Gigante, alias Casa Rossa è oramai da quattro anni un appuntamento consueto organizzato dall’Associazione Sylva Tour and Didactics di Alberobello. Il  tema della quarta edizione è “Il Bene e il Male”. Lo scopo è il recupero del valore culturale e storico del brigantaggio, fenomeno che ha interessato direttamente, dal 1860 al 1864, la “selva” di Alberobello. Il tema di questa quarta edizione è “Il bene ed il male”. Negli anni a ridosso dell’Unità d’Italia, le complesse dinamiche sociali e politiche hanno contribuito a rendere difficile il giudizio di chi fu parte attiva di questo periodo storico ed il limite tra bene e male si assottiglia, confondendo buoni e cattivi. L’evento si svilupperà in due parti: la rappresentazione storica in costume nei boschi adiacenti “la Casa Rossa” e la festa sull’aia.

 

Ogni 20 minuti gruppi di 45-60 persone saranno accompagnati da una guida per i boschi nelle vicinanze della “Casa Rossa”.

Al termine della rappresentazione sarà offerta ai visitatori una piccola degustazione dei piatti poveri del tempo accompagnati da buon vino.

www.lanottedeibriganti.com

 

28 agosto 2010

c.da Albero della Croce “Fondazione Gigante”

S.P. Alberobello – Mottola km 2,7

 

 

 

RadioBari in tour

 

 

Immagine1.jpgMercoledì 4 Luglio 2007. Nasce RadioBari, la nuova radio dei baresi. E’ una radio giovane, moderna e fresca. E’ una radio unica, una miscela esplosiva di musica, intrattenimento, informazione. RadioBari fa parte del media network Telebari srl (www.telebari.it), la storica tv della città di Bari. RadioBari, e agisce con un duplice scopo: incuriosire ed intrattenere gli utenti con una programmazione diversa ed innovativa e diventare la nuova radio ufficiale dei baresi. RadioBari: uno storico marchio della radiofonia italiana. Un nome che rievoca la bellissima storia della città di Bari, legata alla nascita del sistema di diffusione radiofonico (la prima trasmissione telegrafica senza fili fu effettuata da Guglielmo Marconi dal molo di San Cataldo a Bari) e della libera informazione (RadioBari è stata l’unica radio libera italiana durante la seconda guerra mondiale). La popolare radio cittadina diventa itinerante per 3 notti di musica, comicità, spettacolo, e tanti ospiti. Una festa d’estate, con lo staff di Radio Bari: Serena Brancale, Enzo Tamborra, Antonello Loiacono, Giuliano Giuliani, Fabio Giacobbe, Gianni Quadrelli e i D.J.’s Davide Narracci, Gianluigi Maggi, Enzo Bonerba e Paolo Gentile. Il Tour approda in piazza della Torre a Torre a Mare, dove nel suggestivo scenario del quartiere più vissuto nel periodo estivo dai baresi, sarà allestito un palcoscenico che vedrà alternarsi talenti musicali nostrani, le voci dei programmi più seguiti sulle frequenze 88.8 in FM, e l’icona della tradizione teatrale vernacolare nostrana Nicola Pignataro. A presentare la serata il noto conduttore radiofonico e televisivo Savino Zaba. Strappato da tempo alla Puglia dal furore della Capitale, il nostro talento made in Cerignola, dopo anni di collaborazioni con le reti RAI televisive e radiofoniche, ritorna  per incoronare questa festa in musica e mare e divertimento, vera e grandiosa regina dell’estate.

Se conosco bene il direttore artistico, Pasquale 33 (un giorno capirete anche il perché, adesso non posso anticiparvi nulla), vi ha preparato con tutta l’incredibile brigata, un colpo da vero fuoriclasse.

Mi darete ragione. Ma solo raggiungendoli in p.zza della Torre, a Torre a Mare. Questa sera. Io me la sento. Voi, ve la sentite?

Non mancate!

 

 

CO’SANG, il ritorno

cosang.jpgAlla fine del 2007 hanno pubblicato un nuovo singolo “Fin Quanno Vai ‘Ncielo” con la partecipazione del cantante napoletano Pino Mauro.
A marzo2009 sono tornati sulle scene musicali con un nuovo singolo “Nun Sai Niente E Me” in collaborazione con i Fuossera, singolo che ha anticipato il nuovo album “Vita Bona” uscito nel novembre 2009.
Finalmente, questa sera, il duo napoletano si esibirà al DEMODE’ portando il loro spettacolo live: “VITA BONA TOUR”.
Il loro secondo album, VITA BONA, che da il nome al Tour è un concetrato di Hip Hop suddiviso in 13 tracce con varie collaborazioni da Marracash, a Raiz degli Almamegretta, ad Akhenaton degli IAM.

Ma chi sono i CO’SANG……????

Antonio Ricciardi e Luca Imprudente conosciuti, nella scena Hip Hop italiana, rispettivamente come Ntò e O’Luchè, cresciuti a Napoli nel rione n108621769162016_5536.jpgMarianella ai confini con Scampia, Piscinola, Miano, cominciano il loro percorso musicale nel 1997 collaborando al brano “Paura che passa”con la crew napoletana dei Clan Vesuvio, nell’album autoprodotto “Spaccanapoli”.

Da allora hanno prediletto le perfomance live alla produzione discografica, per questo le loro esibizioni sono sempre una garanzia di qualità.

Il loro primo album “Chi more p mmè” arriva nel 2005, facendo subito breccia tra gli amanti dell’Hip Hop.
Chi ha Ascoltato il loro primo lavoro ricorderà sicuramente il primo singolo, “Int o’rion” … e non solo..!!

O’luchè e Ntò vantano al loro attivo anche molte partecipazioni con altri importanti artisti della scena Hip Hop italiana, quali i Club Dogo, Marracash, Ensi, Inoki, Jake la furia, Rischio e Mr. Phil che sicuramente han contribuitò alla loro notorietà sulla scena.

Il live sarà aperto da un duo tutto barese, i quali nomi sono sinonimi di sostantivi come professionalità e qualità: COMMA & SHOGUN.

Dopo il live si proseguirà con uno degli ultimi PARTY, di questa indimenticabile stagione, targato BARI HIP HOP METRO.

BARI STAND UP… Facciamo sentire il nostro calore ai CO’SANG..!!

PREZZO BIGLIETTO: 10 € (acquistabile solo al botteghino)

INFO TEL: 393 94 81 221 Fedja – 331 29 27 239 Bartolo

INFO STRADALI: DEMODE’ – S.S. 16 bis – uscita 10B – svincolo parco adria – seguire le indicazioni

Zeromania, a Barletta

zero.jpgBarletta è una città di 93.667 abitanti della Puglia, capoluogo, con le città di Andria e Trani, dell’omonima provincia. Il territorio comunale fa parte del bacino della valle dell’Ofanto e, oltre ad essere bagnato dall’omonimo fiume, che funge amministrativamente come linea dividente tra Barletta e Margherita di Savoia, ne ospita anche la foce. Il comune, che comprende la frazione di Canne, sito archeologico ricordato per la celeberrima battaglia vinta nel 216 a.C. da Annibale, è stato riconosciuto come città d’arte dalla Regione Puglia nel 2005 per le sue bellezze architettoniche.

Ma, Barletta, è anche la patria del Paladisfida.

Il PalaDisfida “Mario Borgia” è il principale palazzetto dello sport della città di Barletta. È dotato di 4 tribune che hanno una capienza complessiva di 3.105 posti a sedere. Attualmente il PalaDisfida è utilizzato per le gare interne della locale squadra di basket, la Patalini Barletta, che milita nel campionato di serie C Regionale e di quella di Calcio a 5, la Futsal Barletta. Inoltre è sede di numerosi eventi e concerti (vi hanno suonato artisti come Renato Zero, Giorgia, Biagio Antonacci, Tiziano Ferro, Laura Pausini…).

Ed è proprio come luogo della musica e della ZeroMania, che ve la racconterò, Barletta, come ospite nel suo grandioso PalaDisfida, di un vero e grande idolo di giovani e meno giovani.

Infatti, martedì 20 e mercoledì 21, presso il PalaDisfida di Barletta, si terrà il concerto del cantante Renato Zero, in Puglia con il suo nuovo “Zeronove Tour 2009”.
Molto atteso il tour 2009 di Renato Zero, in giro per lo stivale per promuovere il suo ultimo disco “Presente”. 300 mila copie vendute a quello stesso popolo che lo seguirà in un tour serratissimo da qui al 22 dicembre.
Il nuovo album è stato prodotto attraverso la sua etichetta indipendente “Tattica”, una scelta questa che sicuramente ha destato non poco scalpore negli ambienti delle major discografiche.

Sul “Renatone” nazionale poco da aggiungere. Molto da dire, però, sull’allarme ticket falsi. Su questo voglio mettervi in guardia.

Da qualche mese il sito ufficiale Zenzero.it e’ chiuso, perche’ non si riusciva piu’ ad organizzare la sua attivita’: troppi coloro che millantavano zero_1.jpgamicizie con lo staff di Renato, autorizzazioni a vendere suoi manufatti o altro tipo di imprimatur. Credo che con molto dispiacere, i collaboratori del grande artista romano hanno deciso la sua chiusura, ma questo ha lasciato campo libero a chi voleva operare indisturbato sulla prateria degli zerofolli e sorcini. Ergo, le uniche vie per mettere in giro l’allarme sui biglietti-fake, le più veloci, sono a mezzo internet (eccoci! La vostra local-blogger non poteva mancare) e carta stampata.

Le uniche rivendite autorizzate di biglietti sono indicate su www.fepgroup.it in corrispondenza di ogni data del tour di Renato Zero. Acquistando i biglietti fuori dai suddetti canali è possibile incorrere in prezzi di biglietti maggiorati, biglietti falsi o di biglietti non validi per i quali la F&P Group non si ritiene responsabile. Si ricorda che la legge punisce i fabbricanti e gli spacciatori di biglietti falsi.

Per quel che ne so, la vendita dei biglietti nel circuito ufficiale è stata chiusa, ma il costo unitario (per biglietto) era di 41,40€. Diffidate quindi da chi tenta di bagarinare a prezzi superiori, e da chi non volesse prima mostrarveli, con recanti l’apposito regolare ologramma by TicketOne.

 

Per brevità chiamato artista

degregori.jpgSoprannominato “il Principe” dei cantautori,il suo stile, simile a quello di Bob Dylan e Leonard Cohen, i suoi maggiori ispiratori, richiama sia le sonorità rock, sia quelle melodiche, sia la musica popolare e, dal punto di vista dei testi, presenta un ampio uso della metafora, spesso di non immediata interpretazione, con liriche di ispirazione intimista, letterario-poetica ed etico-politica in cui trovano spazio riferimenti all’attualità e alla storia, che lo hanno reso uno dei cantautori più importanti dell’attuale scena musicale italiana; insieme a Fabrizio De André e Francesco Guccini è considerato uno dei più grandi cantautori italiani di tutti i tempi, e come loro, è considerato da molti sia un cantautore sia un poeta, malgrado egli non ami definirsi né l’uno né l’altro, ma solo “artista”.

Tante tappe annullate per  il tour europeo. Purtroppo. Con immensa delusione dei suoi fan che , lo seguiranno adoranti per i piccoli centri turistici (e non), nella speranza tutto proceda come secondo copione, senza altre defaillance dietro l’angolo.

Un grande tour, atteso dai tantissimi fan del cantautore, che già non vedono l’ora e hanno decimato i  biglietti disponibili.

Lui è Francesco De Gregori. Ed il  suo ultimo album “Per brevità chiamato artista” contiene otto canzoni scritte da lui e una cover di “The angel of Lyon” del cantautore americano Tom Russell ( De Gregori parla di “trascendenza del mistero dell’amore”: “Una canzone diversa che mi ha affascinato per il suo testo impenetrabile. La definirei una canzone sull’impenetrabilità… la trascendenza dei misteri d’amore”.). Il primo singolo è stato lo stesso brano che dà il nome all’album “Per brevità chiamato artista”, il secondo “Celebrazione”.

Qualcuno aveva parlato di periodo di pausa, di “anno sabbatico”. E invece no, il giro ricomincia e con una carica oiù forte e più decisa, questa volta, ad uso e consumo del suo pubblico italiano. Sulla ruota che gira, Francesco De Gregori , atterra in Puglia, dove terrà un concerto sabato 22 agosto: a Noci, in provincia di Bari, presso la Nuova Arena Fiera.

 

Costo dei biglietti: Poltronissime Euro 40.00, Poltrona Euro 30.00.
Apertura Cancelli ore 19.45
Inizio Concerto ore 21.45.

BIGLIETTI QUI: www.bookingshow.com/spettacolo/descrizione.asp?idevento=14539