Immaginario Giappone

Immagine1.jpgQuesta era una segnalazione che non potevo mancare. In realtà s’è iniziato ieri, con la rassegna, ma so già che mi perdonerete perché, come me, ancora satolli di uova, pastiere, lasagne etccetcc… in puro e pugliesissimo stile pasquale.

 

E’ iniziata al cinema ABC Centro di cultura cinematografica di Bari, sala gestita dall’Agis e capofila del Circuito “D’Autore”, la rassegna “Immaginario Giappone: magie e poesie dallo Studio Ghibli”: tre giornate di proiezioni dedicate alla scoperta del mondo immaginato, colorato, diretto dai registi Isao Takahata, Goro e Hayao Miyazaki.

Hayao Miyazaki è il mio preferito, è un autore di fumetti, animatore, sceneggiatore, regista e produttore giapponese di anime di fama internazionale, grazie anche all’Oscar ottenuto per il film La città incantata nel 2003 ed al Leone d’Oro alla carriera ricevuto alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2005. Fondatore dello Studio Ghibli insieme al suo collega e mentore Isao Takahata, è il padre del regista Gorō Miyazaki.

Tra le tematiche ricorrenti dei film di Miyazaki troviamo la relazione dell’uomo con la natura, vista come contrapposizione anche feroce, ma che può ritornare ad essere armoniosa. Molto presente è la dimensione spirituale, presentando nei propri lavori creature mitiche e ultraterrene spesso prese dal pantheon della mitologia nipponica, soprattutto shintoista.

Insomma, non parliamo di “cartoni animati”, ma di vere e proprie opere d’arte che meritano una pagina nella storia del cinema, e che già hanno conquistato milioni di appassionati. Capolavori dell’animazione per il grande schermo da vivere intensamente, per storie e sentimenti espressi.

A cura dell’Agis Puglia e Basilicata, con i patrocini di Comune e Regione, la rassegna è realizzata grazie alla collaborazione della Lucky red di188177_114655191948922_2997536_n.jpg Andrea Occhipinti e nasce con l’obiettivo di destinare l’intero ricavato alla Croce Rossa Italiana per il fondo “Emergenza Giappone” (il costo del biglietto d’ingresso sarà di 3,50 euro).

Oggi la proiezione di “Porco Rosso” e “Il castello errante di Howl” entrambi di Hayao Miyazaki (rispettivamente alle 18 e alle 20,30) e si conclude giovedì 28 con “Ponyo sulla scogliera” di H. Miyazaki e “I racconti di Terramare” di Goro Miyazaki (sempre alle 18 e alle 20.30).

Le proiezioni delle 20.30 in tutte le tre giornate saranno precedute dalla lettura di un racconto legato alla cultura giapponese, proposto dalla regista pugliese Teresa Ludovico, attiva da più di dieci anni con i suoi spettacoli in diversi teatri di Tokyo.

Il mio consiglio è perseguite nella visione se siete già dei fan, o iniziate nel caso in cui voleste sperimentare qualcosa di davvero fenomenale e “diverso”.

 

Beatles Tribute

 

Immagine1.jpgFinalmente anche a Gioia del Colle il bellissimo tributo che l straordinarie voci di Rossana Casale e Mario Rosini fanno ai grandiosi “fab four”, gli inventori del pop moderno.

Diversi i brani del vasto repertorio della band inglese che verranno riproposti in una versione inedita.

 

La “guest star” della serata sarà Rossana Casale, artista che nel 1982 ha esordito con il suo primo singolo dal titolo “Didin” firmato da lei stessa e da Alberto Fortis e che nel 1984 ha presentato il suo primo LP intitolato “Rossana Casale”. Per lei anche l’esperienza cinematografica e teatrale cominciando con il film di Pupi Avati “Una gita scolastica”, per la colonna sonora del quale canta “A tu per tu” e “L’incanto”.

Poi una lunga serie di collaborazioni con artisti di fama internazionale e numerose presenze al Festival di Sanremo sino alla “scoperta” del jazz, genere del quale si innamora. La sua carriera prosegue con presenze nei festival più importanti d’Italia e tour che la portano in giro per i teatri e le piazze riscuotendo sempre grande successo.

Le musiche dei mitici Beatles saranno affidate alla Jazz Studio Orchestra diretta dal Maestro Paolo Lepore.37092.jpg

 

Nata circa trent’anni fa, nel 1976, per l’impegno del Maestro Paolo Lepore, che attualmente la dirige, e di un gruppo di strumentisti appassionati del jazz, la “Jazz Studio Orchestra”, prima formazione del genere in Italia, si è inserita con un ben preciso disegno nel panorama musicale pugliese e nazionale. La Jazz Studio Orchestra si è sempre rivelata un organismo efficiente sul quale spesso si sono inseriti nomi di rilievo internazionali quali Art Farmer, Eddie Davis, Errnie Wilkins, Chet Baker, Joe Newmnan, Dizzy Gillespie, Lee Konitz, Sal Nistico, Marcello Rosa, Giorgio Gaslini, Gianni Basso, Maurizio Giammarco, Massimo Urbani, Paolo Fresu, Bob Mintzer, e tanti altri.

 

 

BEATLES TRIBUTE

tributo ai quattro ragazzi di Liverpool

con arrangiamenti personalizzati affidati alle voci di Rossana Casale e Mario Rosini

 

con Rossana Casale

Mario Rosini

Jazz Studio Orchestra

Dir. m° Paolo Lepore

 

Biglietti (dai 7 ai 15 euro) e prevendita presso il botteghino del Teatro Comunale G. Rossini

Viale Rossini – tel 080/3484453

 

 

Jazz allo Sheraton

 

 

 

barbara_casini.jpgNata a Firenze nel 1954, ha frequentato il liceo classico e la facoltà di Psicologia dell’Università di Padova laureandosi con il massimo dei voti. Contestualmente ha conseguito il diploma “Cambridge” in lingua inglese presso il British Institute of Florence. Si avvicina da bambina alla musica studiando privatamente il pianoforte ed in seguito, da autodidatta, la chitarra. Si è sempre dedicata al canto e nel 1979 ha frequentato i corsi della scuola di musica Andrea del Sarto a Firenze, iniziando contemporaneamente l’attività concertistica.

L’interesse specifico per la musica brasiliana è iniziato all’età diquindici anni con la scoperta della bossa nova, di Jobim e João Gilberto. Da allora ha approfondito sempre più la conoscenza della musica popolare brasiliana e, all’inizio degli anni ’80, ha formato il trio Outro Lado insieme a Beppe Fornaroli alla chitarra e Naco alle percussioni. L’intensa attività di ricerca l’ha portata spesso in Brasile dove ha ottenuto importanti riconoscimenti da musicisti di spicco quali, tra gli altri, Milton Nascimento e Chico Buarque de Hollanda. Nei circa quindici anni di attività il trio Outro Lado si èbarbaracasini.jpg esibito, oltre che nei vari jazz club e teatri italiani, a Parigi, nel Nord Europa, in Africa e in Brasile, partecipando a jazz festival e rassegne etno-musicali. Nel 1990 Barbara Casini ha inciso con questa formazione il suo primo disco (“Outro Lado”) registrato in parte a Rio de Janeiro ed in parte a Milano. Di questo disco l’etichetta Philology ha recentemente pubblicato una ristampa in cd che contiene anche 6 brani registrati dal vivo all’epoca. Dal 1994 guida un quartetto con Stefano Bollani al pianoforte, Lello Pareti al contrabbasso e Francesco Petreni alla batteria. Nel 1997 è uscito il cd “Todo o Amor” ( Philology ), il primo lavoro completamente a suo nome, che le ha dato modo di proporsi, oltre che come interprete, anche come autrice di musiche e testi, e che ha ottenuto ottime critiche sia in Italia che all’estero. E’ del novembre 1998 l’uscita di un nuovo cd (ancora per la Philology), “Stasera Beatles”, nel quale il quartetto offre una rivisitazione in chiave jazz e latina di 13 brani dei Beatles. In ambito jazzistico ha collaborato alle incisioni di Luigi Bonafede (“Another Side of Me”, 1991), Attilio Zanchi (“Some Other Place”, 1992), Massimo Colombo (“Linea di Confine”, 1993), Naco (“Naco”, 1995) ed Enrico Rava (“Italian Ballads, 1996). Lo scorso aprile è uscito il cd “VENTO”, a nome suo e di Enrico Rava, per l’etichetta francese Label Bleu, con Stefano Bollani al pianoforte, Giovanni Tommaso al contrabbasso, Roberto Gatto alla batteria, e con l’accompagnamento dell’Accademia Filarmonica della Scala diretta da Paolo Silvestri, autore degli arrangiamenti. Questo progetto ha partecipato all’edizione 2000 di Umbria Jazz.

Ancora per la Philology ha inciso un cd dal titolo “SOZINHA” registrato dal vivo al DR JAZZ di Pisa dove Barbara si esibisce da sola alla voce e alla chitarra, ed in seguito “PHIL WOODS MEETS BARBARA CASINI”, una reinterpretazione di classici brasiliani insieme a Phil Woods al sax alto e Stefano Bollani al pianoforte, con una BigBand composta da grandi musicisti ha registrato inoltre “URAGANO ELIS”.

 

 

Barbara Casini, definita la più importante interprete di musica brasiliana in Italia, il sassofonista Carlo Actis Dato, nominato dai critici della rivista americana “Down Beat” fra i migliori bariton-sassofonisti del mondo, il giovane sassofonista pugliese Raffaele Casarano, ideatore del “Locomotive Jazz Festival”, ed il pianista Mirko Signorile, considerato uno dei più giovani e promettenti pianisti della scena nazione ed internazionale, accompagnati dalla Jazz Studio Orchestra, diretta da Paolo Lepore, per un concerto all’insegna del grande jazz!

 

25 novembre 2010

ore 21.15

Hotel Sheraton

Bari

info tel: Segreteria Organizzativa

Via G. Murat, 52 – 70122 Bari

tel/fax 0805217502/ 080 2192398

prevendita: Box Office Feltrinelli

Via Melo, 119 – 080 5240464

 

Il “Guru” Ronnie e JSO

ronnie.jpgRonnie Jones, grande cantante di soul e del rythm ‘n’ blues, uomo di spettacolo della vecchia scuola, dai primi anni del vinile fino all’era del CD, sarà il protagonista del prossimo concerto del Centromusica JSO.
Jones, accompagnato dalla Jazz Studio Orchestra, diretta da Paolo Lepore, giovedì 25 marzo allo Sheraton Hotel, con inizio alle ore 21, si cimenterà in un repertorio che spazierà dagli evergreen di Marvin Gaye e James Brown sino alle hits di B.B.King, Bill Whiters e Ray Carles.
Fisico imponente, voce calda e fremente, Jones a meta’ degli anni ’70 è cantante e ballerino d’eccezione nella prima versione italiana del mitico musical “Hair”.

Statunitense, dopo il diploma inizia la sua storia musicale in Inghilterra, dove incide alcuni brani tra i quali “Night time is the right time” di Ray Charles e “Money Honey” dei Drifters. Dopo queste importanti esperienze Ronnie decide di ritornare in America, dove conoscerà personaggi del calibro di: Marvin Gaye, Stevie Wonder, Sam Cooke e Otis Redding, preparandosi artisticamente al ritorno in Europa e più precisamente a Londra dove fonda insieme a John McLaughlin il suo primo vero gruppo: i “Nightimers”, seguiranno poi i Blue Jays e l’arrivo in Italia con i Q Set .

In Italia Ronnie viene scritturato dai due “guru” della radiofonia Renzo Arbore e Gianni Boncompagni e inizia a lavorare come Dj per la radio italiana raggiungendo la celebrità anche in televisione.

Nel 1974 incide una versione della celebre “Rock Your Baby” di George Mc Crae,con Claudia Barry registra “It takes two” di Marvin Gaye e per conto proprio tre Album: “Looking for Action”, “Me and Myself”, “Fox on the run” che raggiungono i vertici delle classifiche disco/soul europee.

Nel periodo che va dagli anni 80 ad oggi, Ronnie entra a far parte di ben tre diverse band, Blues After Dark, Seven40 ed infine quella con cui si esibisce ancora oggi The Soul Syndicate.

Il concerto rientra nella stagione 2009-10 de “I Grandi Concerti” della JS0. Il prossimo concerto si terrà il 12 aprile con Jamie Davis, già componente della celeberrima Count Basie Orchestra, sempre allo Sheraton Hotel

info e biglietti: Centromusica (080 5217502 – 080 2192398) e Box Office Feltrinelli (080 5240464)

Borse di studio per FABRICA

fabrica.jpgPer promuovere il progetto avviato dal Comune di Barletta e finalizzato all’assegnazione di due borse di studio della durata di dodici mesi l’una da svolgersi presso il Centro di Ricerca sulla Comunicazione di Fabrica S.p.a., con sede a Catena di Villorba (Treviso) è stato organizzato dall’Assessorato comunale allo Sviluppo Economico, il prossimo 25 gennaio 2010, alle ore 18 presso il Punto Einaudi di Barletta l’incontro FABRICA WANTED CREATIVITY IN BARLETTA.
Presenzieranno il Sindaco di Barletta ing. Nicola Maffei, l’Assessore comunale alle Politiche di Sviluppo Economico, Emanuele Doronzo; Giovanni Flore di Fabrica.
Sarà un’occasione affinché i giovani conoscano un’esperienza innovativa quale quella di FABRICA e nel dettaglio il progetto dell’Amministrazione Comunale di promozione della creatività e dell’innovazione.

Fabrica, il centro di ricerca e di comunicazione di Benetton originario è stato fondato nel 1994. Frutto del lascito culturale del Gruppo, ha sede principale a Treviso, in un complesso restaurato e ri-disegnato dall’architetto Tadao Ando. 

Fabrica non è una scuola, non è un’agenzia pubblicitaria o un corso universitario. È un laboratorio di creatività applicato, incubatore di talento e fabrica2.jpgstudio di genere nel quale i giovani, moderni artisti, giungono da tutto il mondo  per sviluppare progetti innovativi ed esplorare direzioni innovative: dal disegno, alla musica, al cinema, alla fotografia, ai linguaggi di Internet. Questi artisti-sperimentatori vengono affiancati nel loro percorso di ricerca trasgredendo i confini tradizionali dell’arte in un viaggio che tocca tutti i mezzi di comunicazione. 
La ricerca e le cause perorate da Fabrica, toccano ambiti della società moderna come l’economia, le scienze sociali, l’amore per l’ambiente. Lo scopo di Fabrica è capire il futuro , reinterpretandolo in futuristici progetti artistici che si prondono onore ed onere di aprire una finestra sul mondo di domani.

Fabrica è una splendida occasione da prendere al volo per Artisti, creativi e pubblicitari che vogliono guardare oltre lo schermo.

Tutti i dettagli su www.fabrica.it e, se la cosa vi interessa, non perdetevi la presentazione di questa sera. Benché non sia molto felice del fatto che, per la formazione, si debba andare a Treviso (diciamolo, le scuole specialistiche scarseggiano da queste parti), rimane sempre la chance ideale per portare alto il vessillo del baresian-pride anche nel mondo della comunicazione internazionale.

Chiamatelo “The Voice”

sinatra_1.jpgFrank Sinatra (Francis Albert Sinatra), era noto con il soprannome di The Voice.

Un soprannome prestigioso riconosciuto in tutto il mondo. Altri suoi soprannomi meno noti, almeno fuori dagli Stati Uniti, erano “Ol’ Blue Eyes” (vecchi occhi azzurri), “Swoonatra” (da to swoon = svenire, per l’effetto che aveva sulle ammiratrici) o “Chairman of the Board (of Show-Business)” (il presidente del consiglio di amministrazione dello spettacolo).

Personaggio importante e carismatico dell’intrattenimento americano e mondiale,è entrato definitivamente nella leggenda per l’eterna giovinezza delle sue canzoni, oltre che della sua voce, riuscendo a imporsi come colonna sonora del panorama musicale mondiale dal primo dopoguerra fino ai giorni nostri, grazie a una carriera attiva durata quasi 70 anni, dai primi anni trenta al 1995. Le sue canzoni vengono tuttora reinterpretate da molti artisti, quali Michael Bublè e Robbie Williams.

Domani, giovedì 10 Dicembre, anche Bari renderà omaggio all’immortale Voce. Con inizio alle ore 21, allo Sheraton di Bari, la Jazz Studio Orchestra, diretta da Paolo Lepore, presenta un tributo al grande Frank Sinatra.

Nata circa trent’anni fa, nel 1976, per l’impegno del M°. Paolo Lepore, che attualmente la dirige,  e di un gruppo di strumentisti appassionati del jazz, la “Jazz Studio Orchestra”, prima formazione del genere in Italia, si è inserita con un ben preciso disegno nel panorama musicale pugliese e nazionale.

La Jazz Studio Orchestra si è sempre rivelata un organismo efficiente sul quale spesso si sono inseriti nomi di rilievo internazionali quali Art Farmer, Eddie Davis, Errnie Wilkins, Chet Baker, Joe Newmnan, Dizzy Gillespie, Lee Konitz, Sal Nistico, Marcello Rosa, Giorgio Gaslini, Gianni Basso, Maurizio Giammarco, Massimo Urbani, Paolo Fresu, Bob Mintzer, e tanti altri.
Nell’occasione debutterà nel Capoluogo Pugliese, la voce carismatica e ricca di swing del cantante Frankie Novak, grande interprete del repertorio di “the voice”, nonché dei brani di Dean Martin, Sammy Davis jr, Nat King Cole, Tony Bennett e Matt Monro.

Il concerto rientra nella stagione musicale 2009-10 de “I Grandi Concerti” della JSO.
Le prevendite si possono effettuare presso Box Office di Feltrinelli (Via Melo da Bari 119, tel. 080 52404649) e Centromusica (Via Murat 52, tel. 080 5217502 – 080 2192398)

E, di tutta qusta meravigliosa stagione, che vede la musica protagonista, nelle notti stellate d’inverno, parleremo ancora tanto. Statene certi!

 

Mi ritorni in mente…

battisti_1.jpgLucio Battisti, indimenticabile cantautore nasce a Poggio Bustone, paese di collina in provincia di Rieti, il 5 Marzo 1943.

La sua produzione ha rappresentato una svolta decisiva nel pop e nel rock italiani e, grazie anche ai complici testi scritti da Mogol, Battisti ha rilanciato temi ritenuti esauriti o difficilmente innovabili, quali il coinvolgimento sentimentale e i piccoli avvenimenti della vita quotidiana, ma ha saputo esplorare anche argomenti del tutto nuovi e inusuali, a volte controversi, spingendosi fino al limite della sperimentazione pura nel successivo periodo di collaborazione con Pasquale Panella.

Omaggiarlo e rendergli tributo con sentite e virtuose esecuzioni dell’immortale composizione negli anni, diventa quasi una sorta di missione.

Sabato 5 settembre presso Piazza Garibaldi di Castellana Grotte, con inizio alle ore 21, nell’ambito del cartellone estivo promosso dalla Amministrazione Provinciale di Bari, con l’ausilio dell’Assessorato al Turismo e Spettacolo del Comune di Castellana,  un concerto per ricreare l’atmosfera coinvolgente e spensierata dei concerti del grande cantautore, spaziando dalle indimenticabili ballate, al rock d’avanguardia, alle atmosfere disco di fine anni ’70.

Nel revival, la magia delle sue atmosfere e la poesia delle sue note, ad opera della Jazz Studio Orchestra, diretta da Paolo Lepore con le voci bari jazz festival 6 edizione.jpgsoliste di Daniela D’Ercole, Lorenza Guglielmi e Fabio Lepore.

Nata circa trent’anni fa, nel 1976, per l’impegno del M°. Paolo Lepore, che attualmente la dirige,  e di un gruppo di strumentisti appassionati del jazz, la “Jazz Studio Orchestra”, prima formazione del genere in Italia, si è inserita con un ben preciso disegno nel panorama musicale pugliese e nazionale e, dopo aver raccolto numerosi successi, si esibirà in “Omaggio a Lucio Battisti”, con inizio alle ore 21:00.

Assolutamente da non perdere. E vi ricordo che l’accesso al concerto è gratuito.