Flavia Piccinni e il suo Sbaglio, a Rutigliano

Immagine1.jpgFlavia Piccinni, Premio Campiello Giovani 2005, presenta il suo ultimo romanzo “Lo sbaglio” (Rizzoli) nella suggestiva cornice del Caffè artistico-letterario “Torre Belvedere”. Il prestigioso evento è organizzato dal Presidio del Libro di Rutigliano e dalla Libreria Barcadoro, in collaborazione con il Comune di Rutigliano, la Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo e l’Associazione “Menti a piedi libero”. Il libro racconta la storia di Caterina, che gioca a scacchi e studia farmacia. È una studentessa mediocre ma come giocatrice sa sempre condurre i propri avversari dove vuole, fino a sbagliare la mossa decisiva. Davanti alle sessantaquattro caselle Caterina ha imparato a perdere ogni insicurezza, a rimandare le decisioni sgradevoli e ad accettare le partite della vita in cui per gli altri, i familiari o il fidanzato Riccardo, lei è solo una pedina. Sa bene, Caterina, che una logica spietata impedisce alle cose di cambiare, e che il suo destino è già scritto: nonostante ora sia a un passo dalle Olimpiadi, sua madre ha deciso che dovrà essere una farmacista, nella migliore tradizione di famiglia. Quando però una variabile imprevista irrompe nel suo mondo, tutto sembra andare in frantumi e a nulla servono gli sforzi di nonna Ines, che è arrivata da Taranto illudendosi di poter incollare i cocci. Così, sullo sfondo di una Lucca assonnata e infelice, impietoso specchio della provincia italiana di oggi, Caterina capirà che forse una via d’uscita c’è ma che, proprio come il suo idolo Paul Morphy, l’ultimo scacchista romantico, dovrà osare e rischiare tutto contro ogni logica, senza farsi dominare dalla paura. Perché a volte la vita stessa è una crudele partita a scacchi in cui anche la mossa apparentemente più insignificante può rivelarsi fatale. Flavia Piccinni (Taranto, 1986) ha trascorso l’adolescenza a Lucca. Nel 2005 ha vinto il Premio Campiello Giovani e nel 2007 ha pubblicato “Adesso tienimi” (Fazi). Suoi racconti sono apparsi su “Nuovi Argomenti”, Nazione Indiana e in numerose antologie, fra cui “Voi siete qui” (minimum fax). Vive a Roma. Insieme all’autrice, intervengono: CESARE PORCELLI, neuropsichiatra infantile e psicoterapeuta, PAOLA BORRACCI, Responsabile del Presidio del Libro di Rutigliano e la sottoscritta, Vostra local blogger di fiducia. Vi aspetto a Torre Belvedere, Rutigliano, intorno alle 18:30, per condividere questo straordinario momento e la magia di un racconto ricco di colpi di scena e tutto da scoprire. In una location bellissima e suggestiva.

La Ballata dell’Esteta

 

Immagine1.jpg “La Ballata dell’Esteta”,è uno spettacolo di prosa inedita, scritta da Gabriella Olivieri e rappresentata dal gruppo teatrale La Corte di Psiche. In 50 minuti si intrecciano le esperienze di otto personaggi, a cui è stato dato il medesimo appuntamento in un bar, dalla stessa persona: un misterioso Barone, di cui ciascuno dei personaggi narra, per quel che lo ha potuto conoscere.

Le otto figure raccontando le loro storie, finiscono per comporre, come tasselli, un mosaico che li vede indissolubilmente legati tra loro grazie alla mediazione di questa nona persona assente, ma incredibilmente presente.

L’opera è stata scritta in memoria di Michele Visaggi, un componente della compagnia, scomparso a seguito di un incidente stradale un anno fa. La sua messa in scena è anche l’occasione per presentare l’associazione onlus “aMichi di Michele Visaggi” fondata da Francesco, fratello di Michele e dagli amici di Michele. Questa nasce con lo scopo di sensibilizzare, specialmente i ragazzi, alla sicurezza stradale e ad un corretto comportamento alla guida, attraverso una chiave di lettura diversa da quelle di analoghe associazioni. Infatti il mezzo utilizzato da questa onlus, per diffondere il messaggio della guida sicura, sarà l’arte, in ogni sua forma: teatro, cinema, pittura, fotografia, ecc. È stata attribuita questa mission all’Associazione in quanto il giovane Michele era un38866.jpg appassionato di questo tipo di comunicazione: “Questo penso che sia l’unico modo per vivere il ricordo di una persona. Perciò io e i suoi amici, con questa Associazione, portiamo avanti l’attività di mio fratello che era molto legato all’arte e diamo un messaggio a chi ci circonda – afferma Francesco Vissaggi – cerchiamo di far capire loro che questi eventi tragici che succedono, possono accadere a tutti e dunque bisogna stare attenti. Bisogna sensibilizzare e far capire quali sono le conseguenze di determinate superficialità. Le famiglie, inoltre, devono sopravvivere sopportando questo dolore. Riuscire a trasformare tale sofferenza in un attività capace di aiutare gli altri è un motivo che stimola ad andare avanti”.

“La Ballata dell’Esteta” è l’opera con la quale viene presentata l’Associazione, ma anche Michele stesso. Infatti il Barone, che tutti conoscono ma che nessuno ha mai visto, rappresenta proprio il giovane ragazzo. Sia lui che la figura rispecchiano ognuno dei personaggi, perché in loro c’è qualche aspetto che li riguarda. Gabriella Olivieri, autrice di questa prosa, è stata una carissima amica del ragazzo e ne conosceva molto bene il suo carattere.

“ Per la realizzazione di questo spettacolo, con il quale presentiamo la nostra associazione – afferma Visaggi – ringrazio l’associazione “Ciao Vinny” che ci ha aiutato nel muovere i primi passi, la dottoressa Rinella, Capogabinetto del Comune di Bari, il signor Lupo della Fondazione Petruzzelli, l’A.S. Bari, che ha partecipato al ricordo della scomparsa di Michele e la Società Promostudio il cui supporto nelle persone di Luca Rutigliano e Riki Stillavato è stata determinante”.

 

Biglietto d’ingresso:

Gratuito previa prenotazione

 

Numeri prenotazione: 3403716397 – 3498222632

 

Bari

Teatro Piccinni

ore 21.30

ingresso con prenotazione

Info. 3403716397 – 3498222632

 

Musica è

 

Immagine1.jpgLa grande musica torna di scena con il MUSICA E’…2010. Si terrà  questa sera a Bari con inizio alle ore 21 nel prestigiosissimo TEATRO PICCINNI il famoso contest nazionale della musica italiana, ideato e diretto da Gianni Santorsola e prodotto dalla RM MUSIC. Un appuntamento atteso e ormai imprescindibile per il pubblico e per gli addetti ai lavori, giunto quest’anno alla 14ma edizione.

L’Edizione 2010 del Musica È… nasce a…ll’insegna di una prestigiosa collaborazione con lo storico FESTIVAL DI CASTROCARO: una grande e concreta testimonianza degli importantissimi riscontri ottenuti dal Musica È… sul territorio nazionale. Anche questa 14ma Edizione vede quale Media – Partner Radiobari, con lo scopo di valorizzare la Città di Bari in giro per l’Italia attraverso un percorso che parte con le fortunatissime trasmissioni in Radio, fino ad arrivare alla serata conclusiva.

Il MUSICA È… anche quest’anno sposa l’importante progetto benefico internazionale a cura dell’ A.abe (la nota Associazione Amici dei Bambini dell’ Eritrea che realizza progetti di solidarietà nei confronti del popolo Eritreo.

Il cast della serata prevede l’impeccabile conduzione di SAVINO ZABA – conduttore radiofonico (“Ottovolante”, Radio 2 Rai) e televisivo (“Music@2009”, Rai Uno) affiancato dalla bellissima CARMELA CAMPANALE Top Model, protagonista di numerosi eventi fashion a livello nazionale e internazionale. È prevista inoltre la partecipazione straordinaria dei fantastici MODULO PROJECT, esclusivissimo corpo di ballo direttamente da importanti trasmissioni televisive di successo come “Domenica Cinque” su Canale 5, “Barbareschi Shock” su La7 e tante altre; Live Tour con Tiziano Ferro, Raf, Coolio e tantissime esperienze nazionali e internazionali.

Grazie al cast prestigioso e alla partnership con il Festival di Castrocaro, l’ Edizione 2010 del MUSICA È… si preannuncia di grande impatto e più entusiasmante che mai, catalizzando sicuramente l’interesse del pubblico e degli addetti ai lavori.

 

L’ingresso all’evento è gratuito e si accede tramite invito.

Per maggiori informazioni e prenotazioni prego rivolgersi alla: RM MUSIC 333.703.83.26 .

 

Rimbamband per Telethon

Immagine1.jpgRIMBAMBAND, è quanto di più eccentrico si possa inventare. Quando le arti si fondono in una esplosione di fantasia, lo spettacolo diventa “il sol ci ha dato alla testa”: 5 straordinari musicisti un po’ suonati che incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano, giocano. Il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile. Una formazione, eclettica, frizzante, folle, bizzarra, gustosa e scatenata che diverte e si diverte grazie al vivido sapore ironico delle sue interpretazioni musicali più che originali, in uno spettacolo che “usa” la musica per viaggiare anche al di là di essa. Come nella migliore espressione di un artista che interpreta se stesso. Così la Rimbamband propone uno spettacolo fuori dai canoni convenzionali, oltre le righe…senza righe! Una dimensione nuova,inesplorata, dove la musica si dilata, si ascolta come fosse un concerto e si guarda come fosse un varietà. Un viaggio nel passato patinato dei classici da Buscaglione a Carosone ed Arigliano, la sorpresa di trovarli quanto mai simili a Mozart 418Nuova-immagine (1).jpge Rossini, il piacere di scoprire i suoni della danza, l’incanto di ritrovare il proprio fanciullo perduto. La certezza che degli impeccabili suonatori riescano ad assurgere ad esilaranti “suonattori “. Ho amato la Rimbamband dal primo momento in cui sono riuscita a vederla a teatro, circa due anni fa. Da allora non ho perso neanche uno dei loro spettacoli. Per grandi, piccoli, giovani, vecchi dentro, donne uomini e pentasessuali.

Nikolaus production e Breathing Art Company, realtà delle quali abbiamo anche già abbondantemente parlato in queste pagine di Virgilio, presentano la prima di due serate assolutamente da non perdere. I nostri artisti per Telethon, si esibiranno promossi dal Comune di Bari e Provincia di Bari al Teatro Piccinni.

1 marzo 2010 ore 21.00
Rimbamband
in occasione della serata sarà presentato il libro di Isabel Russinova, “Antonio, l’isola e la balena”.
info: 3316473886

31 Marzo 2010 ore 20.00
I edizione del galà di danza “Città di Bari” con le scuole e compagnie pugliesi e “Madame”spettacolo promosso dalla Provincia di Bari
info: 3924833990
info@associazioneartcompany.com

Poltrone per tutte le tasche a partire da 10€.

 

Nel gioco del Jazz

Jean_luc_ponty.jpgNasce a Bari una nuova Associazione Culturale, denominata “Nel Gioco del Jazz”, presieduta da Donato Romito e la cui direzione artistica è affidata al noto musicista Roberto Ottaviano,  con l’intento di diffondere nel territorio la cultura artistica in tutte le sue espressioni, rivolgendo una particolare attenzione alla musica jazz e promuovendo  organiche stagioni concertistiche.

Il neonato sodalizio inizia la propria attività con la promozione della I Rassegna Internazionale 2009/10, formata da sei eventi, che si terranno nella città di Bari.

La rassegna sarà inaugurata al Teatro Comunale Piccinni, in collaborazione con la Onlus Beppe Valerio, il 18 dicembre con il leggendario violinista francese Jean-Luc Ponty, pioniere del jazz rock e delle sperimentazioni elettriche e celebre per le collaborazioni con Stephane Grappelli, la  Mahavishnu Orchestra, Daryl Stuermer e Frank Zappa.

Ponty  presenterà  il suo ultimo album “The Atacama Experience”, frutto delle esperienze di una Locandina.jpglunga e diversificata carriera in compagnia della sua Band. Uscito nel 2007, ha ricevuto 4 stelle dal jazz magazine americano Down Beat. Tra jazz con reminiscenze classiche, jazz rock, fughe elettroniche e giravolte in assolo, The Atacama Experience è il risultato delle diverse fasi musicali di Ponty, o come lui stesso dichiara: “È un patchwork musicale incosciente di ciò che sono diventato come musicista”.

Lo accompagneranno William Lecomte alle tastiere, Guy Nsanguè Akwa al contrabbasso e Pierre Francoise Dufour alle percussioni. Il concerto di “Jean Luc Ponty & His Band” è patrocinato dalla Fondazione Lirica Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari.

Il secondo appuntamento è previsto il 12 gennaio al Teatro Royal con il duo Duo Bepi D’Amato & Tony Pancella. Il duo clarinetto-sax e pianoforte interpreterà Monk’s Dream, il primo album del noto jazzista Thelonious Monk,  pubblicato nel 1963, e  sicuramente  l’album più venduto del grande jazzista, con una  caratterizzazione originale ed inedita sia nell’armonizzazione che nella esposizione tematica, pur restando nell’ambito della tonalità e di una scansione ritmica comunque permeata di swing.

Il 14 febbraio al Teatro Nuovo Palazzo, sale in cattedra il sassofono di Lew Tabackin, tra i musicisti più rappresentativi del jazz attuale, che senza copiare o emulare i grandi musicisti  del passato, ha assorbito quelli  elementi nel suo stile, creando il proprio suono, unico ed originale, da ascoltare e comprendere.  Oggi, di quel tempo, conserva la spensieratezza e l’amore per le sette note, ma ha aggiunto una consapevolezza e una maturità che portano la sua arte a livelli eccelsi. Con lui sul palco Roberto Gatto, Marco Tamburini e Giuseppe Bassi tre autentici alfieri del jazz moderno made in Italy. Il concerto del trio Tabackin è sostenuto dalla Provincia di Bari.

Il 12 marzo, al Teatro Royal,  è la volta del “The Tempest Trio (Daniele D’Agaro, sax e clarinetto, Bruno Marini, organo Hammond e Han Bennink, batteria), vincitore del Top Jazz 2008. È un narrare, quello del trio, che lega a sé la necessità del fare scaturire musica da qualsiasi “cosa” – il drumming di Han Bennink ne è la prova vivente – dalla terra e dal vento, non lasciando mai che il corpo e la mente vengano divisi nell’istante in cui tutto intorno si incomincia a danzare! L’improvvisazione più libera convive con naturalezza insieme alla tradizione meno scontata (bopper ingiustamente dimenticati come Lucky Thompson o Dodo Marmarosa, ma anche il travolgente r&b di Louis Jordan) e il senso del jazz emerge in tutta la sua più contagiosa ricchezza di storie e di significati.

Il 14 aprile evento speciale, al Cineteatro Palazzo, con un  grande appuntamento con Sarah-Jane Morris, star inglese della musica jazz e pop. Con lei, lo straordinario chitarrista argentino Dominic Miller. Due musicisti di altissimo livello, un’eccezionale e raffinata empatia fra voce e chitarra. il repertorio che presentano include nuovi brani del nuovo album “Where it hurts”  e covers di classici come “Fragile” di Sting e “Toxic” di Britney Spears, rielaborate da Sarah-Jane e Dominic secondo il loro stile.

Il 16 maggio nella suggestiva cornice di Villa Menelao di Turi, concerto con la la formazione della Academy Big Band, diretta da Gregorio Iacobelli.  Dal concerto all’intrattenimento, dal teatro alla sala da ballo. la ABB padroneggia una scelta di brani molto ampia: dal jazz di autori classici come Ellington, Mancini, Gershwin,  a pezzi di compositori contemporanei come Mintzer, Nestico, Holman. La ABB diretta sapientemente annovera tra le sue fila alcuni tra i più importanti talenti emergenti ed affermati del jazz pugliese.

La stagione ha il patrocinio della Regione Puglia, Provincia e Comune di Bari, ed ha il sostegno del main sponsor della Monte dei Paschi di Siena e Villa Menelao di Michele Boccardi.

Per la  campagna abbonamenti per i sei eventi e la vendita dei biglietti per le singole manifestazioni è possibile rivolgersi da mercoledì 18 novembre al Box Office di Via Melo 119 Bari (tel 0805240464) oppure al n.3389031130.

Niccolo’ Piccinni

Sarà capitato non so quanti milioni di volte, passeggiando felicemente o correndo e fuggendo per commissioni di varia natura, di imbattermi nella statua che troneggia in Piazza Massari. Ad un passo dal Teatro Piccinni, a due isolati da via Piccinni e che (guarda caso) è proprio la statua di Niccolò Piccinni.

1282312970.jpg

Per pura curiosità, questa mattina, ho fermato alcuni dei miei concittadini, con la classica aria da intervistatrice exit-poll, domandando a freddo CHI FOSSE Niccolo’ Piccinni. Su, diciamo, una media di venti passanti, a malapena mi hanno saputo dire che è un barese famoso, non come Antonio Cassano, ma famoso.

Niccolo’ Piccinni (Nicola Vito Marcello Picinno), nasce a Bari nel 1728. Ed è stato un grandissimo musicista, figlio di musicista ed acclamato in tutta Italia fin da giovanissimo. Ha solo 14 anni quando la sua carriera spicca il volo. Lasciato il conservatorio nel 1754, debuttò subito come autore teatrale al Teatro dei Fiorentini con l’opera comica Le donne dispettose(1754). Se Niccolò usasse i social network, oggi, avrebbe tra gli amici personaggi illustri come Mozart, Diderot e Gluck (bravi, quello della via e dell’omonima canzone).

340px-Piccinni,_Niccolò_1.JPG

Esattamente come per Rossini a Pesaro, anche Bari può vantare un centro culturale, dove gli studi relativi alla vita ed alle opere del grande artista si concretizzano. Iniziative editoriali, visite guidate, ed attività a livello universitario.

Sto parlando di Casa Piccinni, quella che per il catasto onciario del 1753, è in vico Fiscardi, adiacente alla Piazza Maggiore, oggi Piazza Mercantile di Bari vecchia. Nel 1999 fu stipulato un protocollo d’intesa con cui il Comune di Bari, proprietario, affidava la gestione dell’immobile al Conservatorio di Musica di Stato “Niccolò Piccinni” e poteva così essere avviata l’attività del Centro ricerche musicali “Casa Piccinni”, in preparazione delle Celebrazioni per il centenario della morte di Piccinni nel 2000. Da quel momento la Casa Piccinni, attraverso un suo Comitato Scientifico, coordina le attività del Dipartimento di Musica Antica e Musicologia del Conservatorio di Bari, del Museo Bibliografico Musicale (sezione antica della Biblioteca del Conservatorio), con la collaborazione dell’Istituto di Bibliografia Musicale di Puglia e del Centro Studi Mousiké, enti dei quali è sede centrale pubblica.

A Bari si dice “passato il Santo, passata la festa” e, purtroppo, il sito ufficiale, è fermo al 2005.

E’ comunque possibile richiedere informazioni e, perché no, anche stimolare la diffusione della Vita e delle Opere del nostro contattando la mail info@casapiccinni.it .

Tenere alto il vessillo degli artisti cui il capoluogo pugliese ha dato i natali, credo sia un diritto/dovere di tutti noi. Perché Bari non è solo Cassano, i polipi, il mare e la celebre bionda al sapore di malto.