Monopoli sui… Tubi!

marta, sui, tubi, monopoli, dirockato, festival, 2011Dei “Marta Sui Tubi non mi stancherò mai di parlare. Un po’ perché fanno DAVVERO bella musica. Un po’ perché sono, INDUBBIAMENTE, la vera Band del momento.

Dopo il clamoroso successo dell’edizione 2010, ritorna il “Dirockato Festival 2011”, giunto alla sua terza edizione. 

Sempre a Monopoli, sempre a Largo Portavecchia, a due passi dal centro e a uno dal mare.

L’idea è di far esibire sul nostro territorio alcune delle migliori realtà della scena pop e rock che, altrimenti, difficilmente riuscirebbero a suonare dalle nostre parti. Dirockato è un’idea “sentimentale” della musica, legata visceralmente al live, all’innovazione e alla contaminazione sonora, evitando di presentare un offerta musicale standardizzata ed omologata. 

Il festival si terrà sabato 20 e domenica 21 agosto 2011. L’inizio del concerto è previsto per le ore 18:00. Al festival saranno presenti stand alimentari e di artigianato. 

Il Dirockato Festival ringrazia MELTIN’POT per la preziosissima collaborazione:

http://www.meltinpot.com/

http://www.facebook.com/meltinpotcompany

 

SABATO 20 AGOSTO

MARTA SUI TUBI 

http://martasuitubi.it/

http://www.myspace.com/martasuitubi

 

Una delle band indipendenti italiane di maggior impatto, i siciliani Marta Sui Tubi sono amati dal pubblico per la propria straordinaria energia live e per una notevole originalità musicale.

Virtuosi e tempestosi, impossibili da classificare per il loro mix di pop-rock, folk, metal, punk, ironia demenziale e poesia, hanno raggiunto con il quarto album “Carne con gli occhi” una maturità che non li ha affatto ammorbiditi.

Proprio il titolo dell’album prende spunto da una frase in dialetto siciliana “si un pezzo di carne cu l’occhi”, che indica l’essere umano privo di coraggio e spina dorsale, incapace di distaccarsi dal gregge. “Carne con gli occhi” – dicono i Marta Sui Tubi – “lo si diventa quando si smette di pensare che si può essere qualcos’altro”. 

Nati nel 2003, esordiscono con il botto con lo straordinario album “Muscoli e dei”, indicato come un piccolo capolavoro, seguito nel 2005 da “C’è gente che deve dormire”, il cui tour si prolunga fino a raggiungere le 150 date.

Con la propria etichetta “Tamburi Usati” pubblicano nel 2008 “Sushi & Coca”, disco ambizioso e sperimentale, risultato di mesi di lavoro con Taketo Gohara e che vede l’ingresso stabile in formazione di violoncello e piano / organo hammond.

“Carne con gli occhi” sta riscontrando un successo notevole di critica e pubblico, che li ha portati ad essere protagonisti unici di una puntata di “Radio2 Live”.

 

… e ancora…

-UROSS

-IOHOSEMPREVOGLIA

-TWO LEFT SHOES

-EXPIRANO

-CORRIDOIO… CON FIGURE E LUCI

 

DOMENICA 21 AGOSTO

MEGANOIDI

http://www.meganoidi.com/

http://www.myspace.com/meganoidi

 

… e ancora…

-LA BIBLIOTECA DESERTA

-NO BROKEN BOTTOM

-TEENAGE RIOT

-ACQUASUMARTE

-LENULA

 

Il Dirockato Festival 2011 fa parte dell’ATS MOMArt Musica.

La Rete dei Festival “ATS MOMArt Musica” è sostenuta dal Progetto Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV.

 

Realizzato con il patrocinio della Regione Puglia – Assessorato alle Politiche Giovanili, Cittadinanza Sociale e Attuazione del Programma.

 

Realizzato con il patrocinio del Comune di Monopoli.

 

Per info e contatti:

dirockato@libero.it 

 

Monopoli(Bari)

Largo Portavecchia

ore 18:00

ingresso libero

Info. Domenico 329/4268057 – Lucio 349/2939724

WEBhttp://www.teatrokismet.org/atsmomartmusica/…

ApuliantiquA

 

Immagine1.jpgDopo un anno di pausa torna nello scenario della musica antica con la rassegna itinerante ApuliantiquA, giunta in questo 2010 alla sua quarta edizione. Attraverso l’esecuzione di concerti di musica antica e barocca da parte di giovani artisti specializzati nel relativo repertorio con strumenti originali dell’epoca o copie fedeli del XVII e XVIII secolo, la rassegna si pone come principale obiettivo la valorizzazione del repertorio musicale dei secoli XVI – XVIII e del patrimonio storico e artistico pugliese. La valorizzazione del patrimonio musicale è strettamente legata, secondo noi, a quella architettonico. Di vitale importanza è il rapporto fra luogo dell’esecuzione musicale, sul piano dell’acustica e della destinazione, e la musica eseguita, perseguendo una coerenza delle scelte musicali che arricchisca il valore d’uso del luogo stesso.

 

Come le precedenti edizioni, anche quest’anno la formula è itinerante, in quella Terra di Bari cheapuliantiqua-2010-b.jpg nella suddivisione territoriale del Regno di Napoli comprendeva diversi comuni delle attuali province di Bari e Brindisi. Il cartellone del 2010 comprende 4 concerti che si terranno nei giorni 3, 18, 25 settembre e 3 ottobre, e che interesseranno i comuni di Conversano, Monopoli e Capurso.

Nella stesura del programma si è cercato di rendere il più possibile differenziata ed originale l’offerta musicale, perseguendo gli obiettivi specifici di ApuliantiquA, che in questa quarta edizione sposano la mostra “Veronese Tintoretto e la pittura veneta” a Conversano, le Giornate Europee del Patrimonio a Monopoli, la valorizzazione degli organi Rotelli-Varesi ed Eligio e Fernando Bevilacqua a Capurso, ed infine il progetto del Ctg Egnathia “Salviamo San Salvatore” sempre a Monopoli, nella cui occasione il concerto farà da cornice ad una raccolta fondi per il recupero della splendida chiesa, riaperta al pubblico su iniziativa di don Vito Castiglione Minischetti dopo circa 90 anni di totale abbandono. Questo tipo di programmazione mira a valorizzare la cultura locale per i turisti e a permettere anche una riscoperta del territorio da parte dei residenti, lasciando spazio a giovani artisti locali, e vantando anche la presenza di artisiti di chiara fama nazionale, il tutto messo in risalto da contenuti musicali di notevole profilo musicologico.

Per valorizzare il territorio si è deciso in collaborazione con gli Enti locali e religiosi interessati, di utilizzare una pluralità di sedi di concerto e ciò sia per rendere più agevole a tutti la presenza alla manifestazione, sia per pubblicizzare luoghi storici e di interesse del territorio stesso. Abbiamo quindi scelto il Castello Aragonese di Conversano, la Chiesa dei Cappuccini e la Chiesa di San SalvatoreMonopoli, la Basilica Santa Maria del Pozzo diCapurso. L’offerta musicale proposta dai 4 appuntamenti in programma si alimenta attraverso un dilatato itinerario musicale, opportunamente suddiviso tra suggestioni sacre e da camera. 
L’ingresso gratuito ai concerti vuole essere il segnale di una musica antica alla portata di tutti, che incentivi i giovani all’ascolto e che ne rappresenti la fruizione futura. 
Al pubblico il compito di analizzare, strada facendo, quello che è il progetto culturale di ApuliantiquA 2010sentieri armonici, i cui paesaggi sonori, le suggestioni e le tappe sul territorio rinnovano l’irrinunciabile esperienza dell’ascolto dal vivo e dell’unicità di ogni concerto.

 

 

Gabin Dabiré a Monopoli

 

Immagine1.jpgGABIN DABIRÉ nasce a Bobo-Dioulasso nel BURKINA FASO, in Africa occidentale, culla secolare di cultura. Dopo alcune esperienza nel proprio paese, viaggia per l’Europa incrementando una serie di esperienze musicali. Nel 1975 Gabin Dabiré si stabilisce in Danimarca per studio ed entra in contatto con la musica sperimentale europea e con la musica orientale più tardi, che lo porterà a lunghe permanenze in India, dove ha modo di conoscere le musiche religiose, classiche ed etniche di queste paese, rapportandosi con i grandi maestri di SITAR, SAROD e di TABLAS. Rientrato in Europa, approfondisce lo studio delle percussioni africane e asiatiche, i cordofoni, il canto e la composizione. Crea con alcuni artisti milanesi il gruppo multimediale “CORRENTI MAGNETICHE” suoni e immagini dai primitivi all’elettronica con i quali produce “Futuro antico I e II”, “Les Balafons de Haute Volta”, “Les musiques de Haute Volta”, “Afganistan”,….ecc. Negli stessi anni, con la sua formazione “YELBUNA” (Le Sorgenti), si esibisce in tutta Europa, catalizzando una grande attenzione da parte della stampa e del pubblico.

In Italia, importante è il suo impegno per la diffusione della cultura africana fondando nel 1984 a Milano, con la collaborazione di Elena Albini Trissino dal Vello d’Oro, il “Centro di Promozione e Diffusione della Cultura Africana”, patrocinato dall’UNESCO, per lo sviluppo della letteratura, del cinema, del teatro, della danza e della musica. Dopo aver dato il via alle più importanti manifestazioni che ancora oggi a Milano parlano di Africa, decide di dedicarsi in via esclusiva alla sua musica e nel 1987 si trasferisce in Toscana. Personaggio eclettico e polistrumentista passa dai cordofoni, alle percussioni, agli strumenti etnici.

Nel suo percorso musicale,Gabin Dabiré ha potuto contare sulla collaborazione di vari prestigiosi artisti come: MARIO ARCARI – WALTER MAIOLI – RICCARDO SINIGAGLIA – MAURIZIO DEHO – TOMMASO LEYDI – MINO DE MARTINO – LUCAS FLORES – GIULIO CAPIOZZO – TULIO DE PISCOPO – PAOLO GIARO – PAOLO PANIGADA – JACK TAMA – PAOLO CORSI – BRUNO GENERO – CECILIA CHAILLY – BERNARDINO PENNAZZI – DOMINIC MILLER.

Gabin Dabiré sarà proprio questa sera a Monopoli, ore 21:00, ingresso libero. Da MONOPOLI direzione ALBEROBELLO: SEGUENDO LA CARTELLONISTICA (giallo-mattone -Zingarello ASS.IN-CONTRADA),percorrendo una bucolica strada che si inerpeggia in suggestivi “irlandesi” paesaggi agresti, si giunge alla meta, dove serenità e cordiale ospitalità, fanno da cornice ad un cielo turchino e a tramonti surreali.