E tu.. avrai

Immagine1.jpgSarà la primavera. Sarà che sono innamorata. Sarà che la voglia di robe belle e romantiche mi pervade completamente… ma quando ho sentito che la Tribute Band di Baglioni “E tu… avrai”, si sarebbe esibita non troppo lontano da casa mia, ho subito fatto un saltino del genere “yep!”.

Perché le tribute band, come già detto in altri casi, non sono “brutte copie” quanto artisticamente gruppi completi con la voglia di omaggiare in passione e musica i grandi che hanno fatto la musica… e continuano a farla.

 

Il gruppo nasce in Puglia, nei primi mesi del 2010 dall’idea di M&P SPETTACOLI EMOZIONI che, dopo aver valutato numerosi progetti, ha deciso di amalgamare la competenza e le professionalità di 5 artisti che in comune hanno la voglia di suonare.  Senza nessuno sforzo, tutti i tasselli del mosaico sono andati al loro posto, ed è nata “E TU..AVRAI” la Tribute-Band dell’amatissimo cantante romano Claudio Baglioni.  In scena potrete ascoltare e gustare, i migliori brani degli ultimi 30 anni, che Baglioni ha regalato a milioni di spettatori e fan, riproponendo delle bellissime novità tutte da scoprire.   L’incredibile voce di Giuseppe Panarelli, già conosciuto in tutta Italia per le sue performance canore, ci stupirà con le sue interpretazioni uniche.

E sarà nella splendida corniche dell’Heineken di Gioia del Colle che la band si esibirà in questa formazione ufficiale: Voce Giuseppe Panarelli, Tastiere Giuseppe Vernile, Chitarre Eupremio Ligorio, Viola Carmine Faniglulo, Basso Simone Delli Santi, Batteria Giancarlo De MArco.

Giuseppe Panarelli nasce artisticamente nel 1996, iniziando a muovere i primi passi nel mondo della musica, come interprete della canzone italiana. Partecipa a numerosi concorsi canori, classificandosi sempre almeno nei primi tre posti. Dal 2000 iniziano le apparizioni in spettacoli di moda come ospite d’onore, in serate di beneficenza, in importantissime piazze Italiane, ospite in tv anche su canali RAI.  Nel 2002 comincia a presentarsi come cantautore, scrivendo alcuni brani autobiografici, per un progetto discografico ancora in corso. Nelle sue caratteristiche vocali, è molto nota una similitudine timbrica al cantautore Romano CLAUDIO BAGLIONI, che lo porterà ad esibirsi in varie manifestazioni musicali come suo sosia vocale.

Nel 2003 fa parte del noto gruppo musicale ” I Notte Tempo” attualmente band del famosissimo comico di Zelig “PINO CAMPAGNA” con il quale ha girato nelle piazze della Calabria, Puglia, Basilicata. Nel 2004 incide l’inno del TARANTO CRAS BASKET intitolato “Gli Occhi al cielo”. Continuando con le numerose ospitate e apparizioni tv. Nel 2006/2007 partecipa nello spettacolo musicale – teatrale “ROMEO & JULIETTA” come cantante-attore nel ruolo di FRATE LORENZO.

 

Un bagaglio d’esperienza, le sue armi? La semplicità, e la voglia di fare…vi farà sognare ancora con la sua interpretazione degli immortali momenti d’amore scritti da Baglioni.

Heineken

 

DOVE: Via Pastore – Gioia Del Colle (BA)

ORARIO: 21:30 – TELEFONO: 3471281144

 


 

Un click per i Violet Tears

violet.jpgC’era una volta Kiavik. “Mi avete chiamato, eccomi qui!”.

Il grande Emilio Solfrizzi dei bei tempi. Parleremo anche di lui, un giorno. Questa volta però, l’intro ad effetto, mi serviva per calamitare la vostra attenzione. Così come anche il tag improprio al post. Spero perdonerete il barbatrucco di basso profilo.

Questo ed altro quando l’S.O.S. è quello dei Violet Tears, una band barese che sta-in questi giorni e ancora fino a Giugno, lottando per qualificarsi sul palco dell’Heineken Jammin’ Festival. Che i protagonisti musicali della scena italiana sono tanti. Che il vostro aiuto farebbe sentire (eh si) la differenza del tipico calore Pugliese.

Se dedicherete qualche minuto ai Viaolet Tears e a questo post (promesso) non ve ne pentirete.

Ma chi sono i Violet Tears?

 

I Violet Tears si costituiscono nel 1998.

Dopo un rodaggio con diversi ed acclamati concerti, la band realizza nel 2001 il primo lavoro su cd : “FRAGMENTS OF BROKEN DREAMS”, un mini album di 6 tracce che l’italiana Anaemic Waves Factory pubblica per la propria etichetta in tiratura limitata in un particolare e raffinato packaging oggi divenuto oggetto di culto per collezionisti. La critica e gli addetti ai lavori accolgono entusiasticamente questo primo lavoro e nel 2006 ad interessarsi alla band barese è l’americana Fossil Dungeon, etichetta che annovera nella propria scuderia nomi di spessore come i Mephisto Walz.

Con la suddetta etichetta la band rilascia il primo full lenght intitolato ” COLD MEMORIES AND REMAINS ” nove tracce racchiuse in un digi packheineken-jammin-festival.jpg cd ammirevolmente confezionato. Da questo momento la critica esplode e numerosissime si susseguono le recensioni che attribuiscono al gruppo la capacità di essersi riusciti a creare un genere di musica che, seppur di derivazione, risulta essere sicuramente originale e ricercato.

I Violet Tears si mettono a lavorare per il terzo album ed è la partenopea Ark Records (legata a nomi prestigiosi fra cui Ataraxia, Argine, Trees e Corde Oblique) che pubblica nel 2007 “BREEZE OF SOLITUDE”, un album di nove brani racchiusi in un bellissimo digi pack cd con incluso un booklet di 8 pagine. Un’autorevole classifica straniera (Gothic Era) riserva al cd il quarto posto del panorama internazionale (subito dopo nomi del calibro di Tiamat, Ayreon e Bauhaus) e decreta il brano “Waves Of Loneliness ” come il brano più bello del 2008 deputando i Violet Tears “italian masters of the dark.Oggi i Violet Tears, hanno terminato le registrazioni del nuovo album che verrà pubblicato nel 2010.I Violet Tears si costituiscono nel 1998.

Dopo un rodaggio con diversi ed acclamati concerti, la band realizza nel 2001 il primo lavoro su cd : “FRAGMENTS OF BROKEN DREAMS”, un mini album di 6 tracce che l’italiana Anaemic Waves Factory pubblica per la propria etichetta in tiratura limitata in un particolare e raffinato packaging oggi divenuto oggetto di culto per collezionisti. La critica e gli addetti ai lavori accolgono entusiasticamente questo primo lavoro e nel 2006 ad interessarsi alla band barese è l’americana Fossil Dungeon, etichetta che annovera nella propria scuderia nomi di spessore come i Mephisto Walz.

Con la suddetta etichetta la band rilascia il primo full lenght intitolato ” COLD MEMORIES AND REMAINS ” nove tracce racchiuse in un digi pack cd ammirevolmente confezionato. Da questo momento la critica esplode e numerosissime si susseguono le recensioni che attribuiscono al gruppo la capacità di essersi riusciti a creare un genere di musica che, seppur di derivazione, risulta essere sicuramente originale e ricercato.

I Violet Tears si mettono a lavorare per il terzo album ed è la partenopea Ark Records (legata a nomi prestigiosi fra cui Ataraxia, Argine, Trees e Corde Oblique) che pubblica nel 2007 “BREEZE OF SOLITUDE”, un album di nove brani racchiusi in un bellissimo digi pack cd con incluso un booklet di 8 pagine. Un’autorevole classifica straniera (Gothic Era) riserva al cd il quarto posto del panorama internazionale (subito dopo nomi del calibro di Tiamat, Ayreon e Bauhaus) e decreta il brano “Waves Of Loneliness ” come il brano più bello del 2008 deputando i Violet Tears “italian masters of the dark.Oggi i Violet Tears, hanno terminato le registrazioni del nuovo album che verrà pubblicato nel 2010.

Dal loro sito ufficiale è possibile ascoltare cosa fanno e come lo fanno.

Non vi resta a questo punto che aiutarmi a dare loro una bella chance, e voltarli dopo la registrazione gratuita sul sito del HJF !

La registrazione è gratuita e, con un semplice click, regalerete un sogno a questa band che ha tutte le carte in regola per sfondare nel mondo della musica!!!

In bocca al lupo ai Violet Tears e, a voi, un grazie grandegrandegrande anche da parte della vostra Local Blogger!!!