Associazioni per la Cultura. A Bari.

Immagine1.jpgÈ stata presentata ieri mattina a Palazzo di Città la FED.A.C. (Federazione delle Associazioni per la Cultura), la nuova realtà culturale che ha riunito venti associazioni cittadine attive nel campo delle arti figurative, della danza, della musica e del teatro. Alla presentazione sono intervenuti il sindaco Michele Emiliano, l’assessore al marketing territoriale Gianluca Paparesta e il presidente della federazione Giuseppe Maurizio Ferrandino. La Federazione, nata per promuovere obiettivi e iniziative culturali, intende proporsi come interlocutore di riferimento delle istituzioni per la realizzazione di politiche culturali e, ferma restando l’autonomia delle associazioni aderenti, promotore per la promozione di iniziative a più ampio raggio.

“La rete che avete costituito – ha dichiarato il sindaco di Bari – è importantissima. Sembra l’incarnazione della strategia che il Comune di Bari ha messo in piedi da due anni. Durante tutto questo periodo abbiamo ascoltato tutti senza avere preferenze nei confronti di qualcuno in particolare. Questa città ha bisogno di farsi promozione e noi stiamo cercando di farlo attraverso la realizzazione di spazi e contenitori culturali. Ascoltare tutti non è semplice ma questa voglia di partecipare deve partire dal basso: abbiamo compreso quindi che è ingiusto scegliere qualcuno a discapito di altri. Ecco perché accolgo con molto piacere la nascita della vostra federazione che, ad esempio, potrebbe diventare uno degli strumenti fondamentali per vincere la sfida della candidatura di Bari a Capitale europea della Cultura del 2019”.

La sinergia tra le associazioni fondatrici della FED.A.C. favorirà anche grandi economie di scala per iImmagine1.jpg servizi, lo scambio di sconti riservati ai soci delle altre associazioni e la definizione di calendari di eventi concordati che evitino controproducenti sovrapposizioni e che invece possano favorire l’interazione tra forme artistiche di diversa natura.

“Abbiamo sentito l’esigenza dio fare rete e di proporre il progetto di una Federazione delle Associazioni Culturali – ha aggiunto Ferrandino – proprio perché il mondo dell’associazionismo non può prescindere dall’essere esempio di aggregazione e, specialmente in un momento di crisi come quello attuale, è necessario creare un fronte comune tra tutti coloro che credono nel valore della cultura come ‘cibo della parte più nobile dell’uomo’, della sua intelligenza, della sua educazione, del suo senso etico-morale e, di conseguenza, della civile convivenza”.

Fulcro del progetto sarà il portale della Federazione http://www.fedac.it/, attualmente in fase di allestimento, che funzionerà da cassa di risonanza per contribuire al successo delle iniziative organizzate dalle singole associazioni grazie a una maggiore visibilità sui media e alla possibilità di raggiungere un target pari almeno alla sommatoria dei soci di tutte le associazioni.

Tra i fondatori, la federazione annovera le seguenti associazioni culturali: Agorà Mediterranea, Auditorium Diocesano Vallisa, Badathea, Breathing Art Company, Centro d’Arte 89, Descarga Cubana, El Mundo del Caribe, Ellea – Linea d’arte, Federico II Eventi, Florilegium Vocis, Grupo Habana, I luoghi della musica, Il Sipario, La bottega dell’armonia, Mirarte, Mousikè, Ri-belle, Soul Dance, Teatro Osservatorio e Terrae.

L’obiettivo della FED.A.C. è raccogliere tante altre adesioni che operano non solo in città ma su tutto il territorio pugliese: per aderire è sufficiente inviare una mail a  info@fedac.it.