Sapori al buio. In Fiera.

Immagine1.jpgStuzzicare i sensi del gusto, dell’olfatto, del tatto, dell’udito con antipasti, primi, secondi, dolce, vini e bevande… Giocare a riconoscere le cose, a distinguere oggetti comuni senza la vista, a godere di sapori e profumi senza lasciarsi influenzare dagli stimoli visivi.

Parlare col vicino senza i condizionamenti dell’immagine, dell’apparenza. 

Metti una sera a cena: un gruppo di food startupper, un’associazione di non vedenti, al buio più completo, alla Fiera del Levante. Il risultato? “Sapori al buio”, una cena-evento che si svolge nella completa oscurità, per condurre gli ospiti in un mondo “altro”.

Nata da un’idea di ProgettArci, organizzata da Cartaelatte, Fooding Social Club, CucinaMancina e Gnammo, “Sapori al buio” è un invito a giocare con i quattro sensi, senza lasciarsi influenzare dagli stimoli visivi.

Rispettivamente, il 10 e il 13 settembre, nel padiglione 129 della Fiera del Levante, gli ospiti potranno assaggiare i cibi dell’oscurità – contrasti di consistenze, forme e odori – progettati da food designers e serviti ai tavoli da un team di camerieri non vedenti.

Il ricavato dell’iniziativa – promossa da Fiera del Levante, Bollenti Spiriti (Regione Puglia), Hub Bari e Qiris – sarà interamente devoluto in beneficenza all’Associazione di non vedenti ProgettArci.

Bari(Bari)

padiglione 129 della Fiera del Levante

ore 20:00 

ingresso con prenotazione

Info. 328/1728410

Lions e raccolta fondi per l’Abruzzo

Immagine1.jpgIl Lions Club Bari Federico II sotto la presidenza della Prof.ssa Giovanna Valente Posca, ci comunica che  oggi, mercoledì 7 aprile, alle ore 20,30 presso il Teatro Piccinni di Bari si celebrerà il “1°Anniversario del Terremoto” una serata di spettacolo e musica per la raccolta di fondi in favore dell’Abruzzo colpito dal sisma.

Un doppio concerto che vedrà impegnato, nella prima parte, il gruppo The Hope Jubilee Singers, un complesso corale nato nel 1996 nell’ambito di un laboratorio musicale organizzato dall’ITS Romanazzi di Bari. E’ attualmente composto da giovani coristi appassionati, cultori del repertorio spiritual, gospel, blues e jubilee. Il programma presentato dal gruppo comprende alcune tra le più note composizioni di questi seducenti generi musicali, armonizzate ed arrangiate per soli, coro e tastiera dal direttore Bepi Speranza. La seconda parte della serata sarà appannaggio dell’orchestra giovanile “La Bottega dell’Armonia”, diretta dal M° Bepi Speranza e con la M° Giovanna Valente al pianoforte. L’orchestra, costituitasi negli ultimi mesi del 2000, nasce dal desiderio diffuso tra ragazzi, amanti della musica, provenienti da differenti realtà: scuole private, pubbliche e conservatori di musica, di diffondere e di far scoprire e potenziare non solo le abilità strumentali, ma anche le relazioni sociali, umane e di aggregazione.

 

Una serata da non perdere. In primo luogo per la Causa che sostiene. In secondo perché vedrà l’esibizione di grandi talenti pugliesi, alcuni da scoprire, altri da ri-scoprire, con la voglia di portare all’attenzione una ricorrenza da non dimenticare attraverso spettacolo e musica “made in Bari”.

L’evento, in ragione del suo scopo umanitario, che contraddistingue, tra gli altri, l’operato dei Lions Club, è aperto anche ai non soci.
Infotel: 340.6312.899.

Ueffilo e Nick The Nightfly

nick.jpgIl 2009 del Ueffilo Jazz Club, sempre in collaborazione con Jazzitalia, si chiude con un evento veramente unico: lunedì 28 dicembre, in esclusiva per la Puglia, lo stage del cinquecentesco club gioiese sarà calcato da una delle voci radiofoniche più conosciute in assoluto: Nick The Nightfly, accompagnato da un combo formato da alcune delle “stelle” del jazz italiano: Amedeo Ariano alla batteria, Dario Rosciglione al basso, Daniele Scannapieco al sax tenore, Claudio Filippini al pianoforte.
Nick The Nightfly conduce da oltre 20 anni Monte Carlo Nights il primo programma radiofonico di nuove musiche e tendenze. Nick è nato a Glasgow, in Scozia, ma vive in Italia dal 1982.
In passato ha pubblicato alcuni singoli fino ad arrivare al suo ultimo bellissimo cd: “DONT FORGET”, pubblicato in Italia dalla RTI music.
Ha suonato e cantato insieme a Giorgia, Carmen Consoli, Terence Trent DArnby, Edoardo Bennato, David Knopfler, Dulce Pontes, Solis String Quartet, Tommy Emanuell, Ron, Feel Good Productions, Trilok Gurtu, Cousteau, US3, Ludovico Einaudi, Sarah Jane Morris, Massimo Moriconi, Saturnino, Doctor Tre e una vera perla per Nick è stata di suonare una sua canzone insieme al grande Pat Metheny in diretta a Capital Nightfly.
E’ il direttore artistico del Blue Note di Milano.
Ha consegnato alla storia un consistente numero di compilation di particolare pregio e spessore e la sua ultima selezione “BUENA VIDA”, già si attesta ai vertici delle charts di mezza Europa.
Nel 2010 sarà licenziato il suo lavoro discografico di inediti: Nice One.

Io, Nick, l’ho sempre adorato e, certamente, non mancherò.

Doppio set (19,30/21,30). Food and Music: 25 euro.
Il Ueffilo – Cantina a Sud è in Gioia del Colle(Ba)-via Donato Boscia 21.
Info e prevendite: 339/8613434 – 080/3430946 – Centro Musica : 080 – 521.17.77
web: www.ueffilo.com. info@ueffilo.com

Primo set: ore 19,30
Secondo set: ore 21,30

Nick The Nightfly 5tet
Unica data Regionale

Nick The Nightfly – voce
Amedeo Ariano – batteria
Dario Rosciglione – basso
Daniele Scannapieco – sax
Claudio Filippini – pianforte

 

Gli anni ’80 al Diloa

diloa.jpgQualcuno ha detto che “non si esce vivi dagli anni ’80”. Altri, fanno girare nostalgiche catene, a base di “se sei davvero un ragazzo degli anni ’80″…

Bari negli anni ’80 era Palazzo Mincuzzi e le merendine dell’AIDA (che, per carità, resistono ancora… quelle sono un evergreen). Era il Bar Esperia e le serate al Cellar, con tanto di claque-comitiva made in CountryClub (che poi divenne, per un breve periodo, il “villaggio in”).

Io, negli anni ’80, non avevo un fidanzato, la patente o la macchina, ed ero troppo piccola (ma davvero), per frequentare “quelli grandi”. Oggi, per tutti i trentenni come me, che han vissuto gli anni ’80 da bambini, sperando di avere l’età giusta per la disco o per l’aperitivo fashion dopo lo shopping sfrenato in via sparano, Diloa ha creato una serata imperdibile… la Festa anni ’80!!!

Per i nostalgici, per i più giovani che neanche sanno cosa fossero gli spallonimontati sui vestiti. e la permanente da elettoshock. Gradito il “costume” (basterà saccheggiare l’armadio dalla nonna, dei nostri genitori, o qualche negozietto dell’usato, (come il mitico Bidonville, vicino all’ingresso secondario dello Scacchi), parrucca d’ordinanza.. come in un video di Alberto Camerini o una performance dei The Cure.n175113987836_5215.jpg

E, a mezzanotte, pirotecnia per il giusto sparkling nella magica notte del Diloa. Fuochi d’artificio tipicamente anni ’80, per onorare quell’epoca, le nostre vite sospese al ricordo, la sana nostalgia che ci pervade…

Il Diloa, nonostante la posizione non esattamente centrale, èriuscito ad affermarsi tra i locali preferiti nella movida barese. I miei complimenti all’impeccabile direzione artistica.

Se vorrete andarli a trovare, mi raccomando, questa sera, non dimenticate a casa l’allure degli anni ’80. Svettate su tacchi inverosimili a spillo come Carol Alt, o catturate lo sguardo magnetico di Richard Gere in American Gigolo, prima di varcare la soglia di questa nuova, vecchia, era.

DILOA è in Via Amendola 195