Grotte horror a Castellana

Immagine1.jpgBrivido, suspance. Chi avrà il coraggio di assistere al MEGLIO della cinematografia horror internazionale in una vera e propria caverna? 

Tutto questo sarà possibile SOLO alle Grotte di Castellana dove, nella Caverna della Fonte, attrezzata come una vera e propria saletta cinematografica (60 posti a sedere), ogni venerdì fino alla prima decina di dicembre dicembre, sarà possibile vedere i film che hanno fatto la storia del genere horror. Un genere che fa sempre più proseliti. I film saranno selezionati dal critico cinematografico Lino Aulenti, con la collaborazione tecnica della Coop. Soc. Fantarca.

Il pubblico assisterà alle proiezioni avvolto dall’atmosfera naturale di giochi di luci, ombre, sensazioni da brivido e audio in perfetto dolby surround…e qualche pipistrello che sonnecchia tra le stalattiti.

Una originale occasione ideata già lo scorso anno per esaltare l’atmosfera straordinaria di quello che è il complesso carsico turistico più grande che abbiamo in Italia, e che da sempre è attento alla promozione al suo interno di eventi culturali di qualità.

Le Grotte segnano il percorso di un antico fiume sotterraneo. Scoperte il 23 gennaio 1938 dallo speleologo di Lodi, Franco Anelli, formano un complesso speleologico grandioso, il più bello conosciuto in territorio italiano. 

Le visitano si effettuano con l’ausilio di una guida, secondo due itinerari: quello breve di circa 1 km, fino alla Caverna del Precipizio, della durata di 50 min, e quello completo, fino alla Grotta Bianca, di circa 3km e della durata di 2 ore. 

Si accede alle Grotte attraverso una scalinata che conduce fino al fondo della Grave, mentre la risalita è assicurata da una coppia di veloci e sicuri ascensori.

Il calendario delle proiezioni:

– Venerdì 25 novembre: Nanny la governante (1965). Regia di Seth Holt. Interpreti: Bette Davis, William Dix, James Villiers, Wendy Craig, Jill Bennett

– Venerdì 2 dicembre: Hellraiser (1987). Regia di Clive Burker. Interpreti: Andrew Robinson, Clare Higgins, Ashley Laurence

– Venerdì 9 dicembre: L’ultima casa a sinistra (1972). Regia di Wes Craven. Interpreti: Sandra Cassel, Lucy Grantham, David Hess, Fred J. Lincoln

Costo biglietto visione film 5 euro – Solo su prenotazione telefonando allo 080/4998211 

ingresso proiezioni ORE 20.30

per info: www.grottedicastellana.it

 

 

Grotte Summer Fest

Immagine1.jpgIl mondo delle grotte non è solo un mondo sotterraneo. Per dieci giorni, dal 15 al 24 luglio 2011, un filo prezioso verrà intessuto tra superficie e sottosuolo. Sotto le stelle dell’estate castellanese sarà allestito un evento unico, una manifestazione che allaccia tra loro tre meravigliose realtà: la cucina, la musica e lo spettacolo.

“Grotte Summer Fest” è innanzitutto un festival del gusto e dei piatti tipici locali. Un trionfo di saperi e di sapori esaltato attraverso un uso molteplice di strumenti ed eventi. Vero protagonista della manifestazione è lo spettacolo di “Showcooking”, un momento di puro estro e creatività riservato ai migliori chef che regaleranno al pubblico una dimostrazione dal vivo delle loro abilità. A questo momento sorprendente, che si ripete per quattro serate, si affiancano in pianta stabile dei percorsi enogastronomici espositivi e degustativi inediti ed imperdibili: i “Sentieri dei sapori” da percorrere forchetta alla mano. Gustare un menu speciale è possibile presso il Ristorante “Puglia a tavola”, che serve le tipicità pugliesi direttamente sotto le stelle dell’estate castellanese.

Ingrediente necessario in questo percorso alla ricerca di esperienze autentiche è anche il divertimento. “Grotte Summer Fest” diventa allora il palcoscenico ideale per il “World Dance Movement”, il galà internazionale di danza che attira a Castellana ballerini da tutto il mondo. Sotto la superficie “Hell in the Cave” si riserva l’onore di far scoprire la magia delle grotte anche di sera.

Il mondo sotterraneo fa da scenario ideale anche al momento di degustazione proposto da “Vini in grotta”, un itinerario alla scoperta dei vini delle migliori cantine locali.

Last but not least l’intrattenimento. A salire sul palco non sono solo gli chef, ma anche ospiti di grido del panorama musicale e comico contemporaneo, che coinvolgeranno il pubblico con performance divertenti e spettacolari.

Per riservare uno stand info al numero 0802145079 oppure all’indirizzo mail info@grottesummerfest.it.

Alz’u bbanne

 

Immagine1.jpg“Alz’u bbanne” è il nome della nuova manifestazione culturale promossa dall’Ass. Opificio delle idee, che si è aperta sabato primo maggio con la pubblicazione del bando di concorso per l’iscrizione e la partecipazione di singoli o gruppi di talento nel mondo della musica, in particolare del rock. Una giuria di esperti selezionerà otto gruppi tra i partecipanti al bando, secondo criteri prestabiliti, i quali accederanno alle serate finali che si svolgeranno in diversi pubs dei paesi limitrofi a Castellana Grotte. In ogni serata saranno previste due esibizioni e a decidere il gruppo che passa al turno successivo sarà sia il pubblico presente, sia la giuria competente composta da musicisti, docenti di musica, giornalisti e radiofonici. Pertanto, il concorso assume un connotato ambivalente, musicale perché vedrà in primo piano il confronto artistico di molti giovani talenti musicali, itinerante perché i settings ideali per le esibizioni musicali saranno locali o pubs del sud-est barese, luoghi di intrattenimento, socializzazione e attività culturale. “Alz u’bbanne” è un espressione dialettale di Castellana Grotte, un vernacolo con cui letteralmente si esprime la volontà di “alzare il banno”, ovvero la chiamata alle armi con cui nel medioevo venivano arruolati i sudditi.

Di certo non dobbiamo arruolare nessuno per fare la guerra, ma per esprimere la propria creatività e talento. Alle nostre orecchie peròImmagine2.jpgu’bbanne è assimilabile per assonanza alla band, al gruppo di rockettari che suoneranno nelle serate finali di settembre e ottobre, e anche al bando, il regolamento che l’Opificio “alza”, divulga per creare, sviluppare occasioni di valorizzazione della cultura del territorio e condividere spazi e momenti di pura riflessione culturale.

Dopo le prime due serate tenutesi a Polignano e a Conversano il concorso musicale voluto dai giovani dell’Opificio delle Idee,circolo Arci di Castellana grotte,approda a Putignano presso il “Living Room” dove a scontrasi saranno gli Occhioterzo e i Frame . Solo uno dei due accederà alla finale che si terrà l’otto ottobre ad Alberobello,per sapere chi non resta che esserci e votare! Come per le altre serate sarà il pubblico (insieme al voto di una giuria competente) a decidere quale delle due bands merita di proseguire nel contest, infatti solo una delle due passerà questa prima fase eliminatoria approdando così alla semifinale di venerdì 8 Ottobre all’Anam Zen (Coreggia) ….

Immagine3.jpgLa manifestazione prevede 3 riconoscimenti rispettivamente ai primi due classificati e un premio della critica.
Il premio per il primo classificato consiste in un buono acquisto per strumenti musicali dell’ammontare di euro 500, mentre per il secondo classificato è previsto un buono per dieci ore di registrazione presso una sala di registrazione della zona.
Il premio della critica, che omaggerà il fattore innovativo del gruppo, sarà assegnato dal Direttivo dell’Associazione e prevederà una targa di riconoscimento.

Mi raccomando non mancate e …..ALZO’T U BBANNE!!!!!!!

 

Speleonight. Il fascino delle grotte. Di notte.

 

Immagine1.jpgAd agosto le Grotte di Castellana aprono anche di notte! Da domenica 1 agosto (fino al 31 agosto) torna infatti SpeleoNight, la speciale visita notturna con inizio alle ore 21.45, che permetterà ai turisti di ammirare le meravigliose caverne al buio muniti di caschetti con lampade, accompagnati dagli esperti speleologi del Gruppo Puglia Grotte. Inoltre a partire dal 27 luglio fino al 31 agosto, ogni martedì e venerdì a partire dalle ore 22, sarà possibile ammirare i principali pianeti del Sistema Solare grazie all’ipertecnologico telescopio Sirio, sito presso l’Osservatorio Astronomico sulla terrazza del Museo Speleologico Anelli delle Grotte di Castellana. Un’occasione magari per ammirare le stelle cadenti che ogni anno verso quel periodo si osservano dal nostro emisfero.  Le Grotte segnano il percorso di un antico fiume sotterraneo. Scoperte il 23 gennaio 1938 dallo speleologo di Lodi, Franco Anelli, formano un complesso speleologico grandioso, il più bello2225667-Travel_Picture-Castellana_Grotte.jpg conosciuto in territorio italiano.

Le visitano si effettuano con l’ausilio di una guida, secondo due itinerari: quello breve di circa 1 km, fino alla Caverna del Precipizio, della durata di 50 min, e quello completo, fino alla Grotta Bianca, di circa 3km e della durata di 2 ore. Si accede alle Grotte attraverso una scalinata che conduce fino al fondo della Grave, mentre la risalita è assicurata da una coppia di veloci e sicuri ascensori.

 

Speleonight alle Grotte di Castellana

Costo biglietto 20 euro – Orario visita 21.45

Infotel 080/4998211 – www.grotteventi.it – www.grottedicastellana.it

 

Osservatorio Astronomico Sirio (sito presso il Museo Speleologico delle Grotte di Castellana):

5 euro per adulti, 3 euro bambini 6-14 anni – Orario apertura ore 22.00 (ogni martedì e venerdì)

Infotel 328/0535882

 

Donne e altri animali feroci

Immagine1.jpgCosa hanno in comune delle vacche, dei cani, una capra, un coniglio nero e uno spaghetto? E donne, vecchi e santi? Alla fin fine sono tutti animali feroci (sì, anche uno spaghetto) come narra Manila Benedetto nel suo Donne e altri animali feroci, pubblicato da poco per i tipi della Coniglio Editore.

Dieci racconti (anzi nove più uno) che, sullo sfondo comune di delitti, si addentrano nelle vicende quotidiane e presentano la realtà che spesso soggiace ad eventi misteriosi. Il libro è costruito come un cd, con la musica che ricorre nelle pagine, e con un bonus track finale (l’ultimo racconto, appunto). E come un cd bisogna ascoltarlo: la musicalità delle parole scelte e il tema portante – donne assassine e animali feroci, alla fine si mescolano e non sai più chi sia l’una e chi l’altro – ne fanno un prezioso pamphlet sulla dinamica della vita che, spesso, passa per la morte.

Questo e molto altro ancora è Donne e altri animali feroci. La nuova fatica letteraria di Manila Benedetto, scrittrice, giornalista, poetessa, anima grande e amica mia. Lo dico anche con una punta di orgoglio. E vantandomene come un bimbo che sfoggia felice la coccarda da primo della classe.

Giovane, giovanissima, Manila. Incredibile e piena di risorse. Una inesauribile fonte di emozioni, soprattutto.Con quel nome esotico che ci riporta al cielo controverso delle Filippine, con gli estremi di una vita al limite tutta da mordere e amare.

Nel mondo editoriale sono approdata con leggerezza d’animo-racconta dal suo sito internet- ed ho pubblicato  “Donne e altri animali feroci” (Coniglio editore, 2009), “Nessuno mi ha mai battezzata” (Enrico Folci Editore, 2008), “Pelle Sporca” (Besa, 2005), fatto parte di “Rac-corti” (Giulio Perrone Editore LAB, 2008), “Lo strano percorso” (Eumeswil, 2007), “Eroticamente” (Valter Casini editore, 2007), “San Gennoir” (Kairos ed., 2006), “Vertigine” (Luca Pensa ed., 2006),  “Schegge Carnali” (La Tela Nera, 2005), “Pace e Libertà” (La Comune, 2005), “Tua, con tutto il corpo” (Lietocolle, 2005), “La notte dei blogger” (Einaudi, 2004). Un mio testo anche nel libro “Dall’altra parte del cancello” di Simone Cristicchi (Mondadori, 2007)
Sono conosciuta in rete come Princess Proserpina (www.pproserpina.net), dal cui blog è stato tratto il piccolo libro “Confessioni di una folle” (Jumper, 2004).

Si è sempre definita una donna parecchio stronza. In realtà è solo una tra le più promettenti e prolifiche penne di Puglia. Ma non riferiteglielo. Sicuramente non ci crederebbe e, forse, si vestirebbe da Ursula Dufour (una delle sue creature di carta) facendovi fare una brutta fine.

Per comprendere il Manila-pensiero, non posso darvi ulteriori dettagli. Non io, che Manila Benedetto la amo profondamente come persona, oltre che come donna. Ma, se vi ho incuriositi, potrete incontrarla live, nel corso della presentazione di “Donne e altri animali feroci”, oggi, venerdì 18 dicembre alle ore 19.00, presso la Caffetteria Espresso (via Marconi, di fronte al palazzo comunale) a Castellana Grotte.

La serata sarà informale e simpatica, presenta Vito D’Alessandro, reading di Donato Caputo
interventi di Serena Greco, Antonino Piepoli e Mino Cardone.
Si concluderà con l’aperitivo e la degustazione dei vini delle Tenute Patruno Perniola di Gioia del Colle, con la presenza del produttore.

Ci sarà anche Legambiente con il banchetto di raccolta RiDono.

Non aspettatevi eventi glamour e mondani. Tuffatevi semplicemente nel Mondo di Manila e fatevi sedurre delle sue luci e ombre. Senza timore di rimanerne invischiati fino al midollo.

Fidatevi.

Mi ritorni in mente…

battisti_1.jpgLucio Battisti, indimenticabile cantautore nasce a Poggio Bustone, paese di collina in provincia di Rieti, il 5 Marzo 1943.

La sua produzione ha rappresentato una svolta decisiva nel pop e nel rock italiani e, grazie anche ai complici testi scritti da Mogol, Battisti ha rilanciato temi ritenuti esauriti o difficilmente innovabili, quali il coinvolgimento sentimentale e i piccoli avvenimenti della vita quotidiana, ma ha saputo esplorare anche argomenti del tutto nuovi e inusuali, a volte controversi, spingendosi fino al limite della sperimentazione pura nel successivo periodo di collaborazione con Pasquale Panella.

Omaggiarlo e rendergli tributo con sentite e virtuose esecuzioni dell’immortale composizione negli anni, diventa quasi una sorta di missione.

Sabato 5 settembre presso Piazza Garibaldi di Castellana Grotte, con inizio alle ore 21, nell’ambito del cartellone estivo promosso dalla Amministrazione Provinciale di Bari, con l’ausilio dell’Assessorato al Turismo e Spettacolo del Comune di Castellana,  un concerto per ricreare l’atmosfera coinvolgente e spensierata dei concerti del grande cantautore, spaziando dalle indimenticabili ballate, al rock d’avanguardia, alle atmosfere disco di fine anni ’70.

Nel revival, la magia delle sue atmosfere e la poesia delle sue note, ad opera della Jazz Studio Orchestra, diretta da Paolo Lepore con le voci bari jazz festival 6 edizione.jpgsoliste di Daniela D’Ercole, Lorenza Guglielmi e Fabio Lepore.

Nata circa trent’anni fa, nel 1976, per l’impegno del M°. Paolo Lepore, che attualmente la dirige,  e di un gruppo di strumentisti appassionati del jazz, la “Jazz Studio Orchestra”, prima formazione del genere in Italia, si è inserita con un ben preciso disegno nel panorama musicale pugliese e nazionale e, dopo aver raccolto numerosi successi, si esibirà in “Omaggio a Lucio Battisti”, con inizio alle ore 21:00.

Assolutamente da non perdere. E vi ricordo che l’accesso al concerto è gratuito.