Tarantismo e scrittori “suonati”

 

Terzo appuntamento per la rassegna “Lo Scrittore Suonato”, curata e ideata da Alceste Ayroldi, docente e critico musicale ed organizzata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, Culturali e per lo Sport e Marketing Territoriale del Comune di Capurso nella persona dell’Assessore Michele Laricchia e Marisabel Prigigallo, consigliera comunale delegata al coordinamento della Biblioteca “G.D’Addosio”.

Venerdì 18 marzo (ore 19,00), sempre presso la Biblioteca Comunale G.D’Addosio di Capurso (Ba), sarà la volta di uno dei massimi esperti del fenomeno popolare-musicale del Tarantismo, lo storico della scienza ed etnomusicologo Gino Leonardo Di Mitri autore, tra l’altro, di “Storia biomedica del tarantismo nel XVIII secolo” che accompagnerà il pubblico in un viaggio alla conoscenza del fenomeno della tarantola, attraverso la ricchissima bibliografia – in gran parte prodotta negli ultimi anni grazie a Besa Editrice – dedicata a questo complesso rituale di possessione. La prospettiva dell’analisi compiuta da Di Mitri, pur restando essenzialmente storico-medica, non è scevra da richiami all’antropologia culturale e all’etnomusicologia; il tutto con l’ausilio di materiale audio/video e fotografico che verrà proiettato durante la serata.

Gino Leonardo Di Mitri, allievo di Mirko D. Grmek, di Georges Lapassade e di Gilbert Rouget, Gino L. Di Mitri si è diplomato al Liceo B. Marzolla” di Brindisi. Si è poi laureato in filosofia teoretica all’Università di Lecce. Ha conseguito il perfezionamento in filosofia sotto il magistero di Umberto Curi all’Università di Padova. Successivamente ha studiato all’Università di Ginevra presso l’Istituto “L. Jeantet” conseguendo il Diplome d’Etudes Approfondies in storia della medicina. Infine ha conseguito il dottorato in storia della scienza con Mauro Digiandomenico all’Università di Bari.

L’appuntamento sarà preceduto dall’esibizione del duo Divietodisosta, Filippo Consalvo (voce) e Franco Vingiano (chitarra) che presenteranno il loro repertorio di brani inediti.

 

Ingresso Libero fino ad esaurimento posti.

 

 

COMUNE DI CAPURSO (BA)

CAPURSO CULTURA 2011

“LO SCRITTORE SUONATO “
DAL 4 AL 23 MARZO 2011
18/03: Gino Leonardo Di Mitri 
Il Tarantismo

 

20 anni di Onorato jazz

Immagine1.jpgPrincipale esponente del “jazz napoletano”, nuova corrente musicale che fonde gli stilemi armonico-melodici della tradizione musicale napoletana con la musica afro-americana e che ha avuto la consacrazione internazionale con un concerto tenuto nel dicembre del 2005 al “Bue Note” di New York , tempio indiscusso del jazz mondiale. Studioso di etnomusicologia , ricordiamo i suoi lavori discografici di contaminazione con la cultura africana (angolana) – “Quatro linguas uma alma”, “The soul breath”; con la cultura brasiliana – “Tudo azul”, “Un grande abbraccio”; con la cultura medio-orientale – “Sotto il cielo di Baghdad” e svariati concerti in Marocco,Tunisia, Iraq. Ma soprattutto ricordiamo i suoi lavori di contaminazione con la cultura dei Nativi americani, a cui si avvicina sin dalla giovanissima età – “South winds”, “Native Spirits”, con la collaborazione dell’attore Enzo De Caro. E’ l’unico musicista al mondo ad utilizzare la “Breath Guitar” (o chitarra a fiato) ,strumento rivoluzionario e futuristico. Ha inventato una tecnica personalissima che gli consente di suonare una chitarra come uno strumento a fiato. Numerose le collaborazioni con artisti nazionali ed internazionali , su tutte quella con Toninho Horta e quella con Franco Cerri. Ha lavorato con il cinema ed il teatro, realizzando alcune colonne sonore e con la televisione (Rai, Mediaset , BBC, ecc.) Attività concertistica molto intensa con concerti in Italia e in tutto il mondo. La sua chitarra é messaggera di pace e amore e lotta contro le ingiustizie e del mondo.

 

GREATEST HITS contiene brani estratti da suoi CD “BELLA JURNATA”, “UN GRANDE ABBRACCIO”, “C’ERA UNA VOLTA NAPOLI”, “QUATROn127673617243361_6637.jpgLINGUAS E UMA ALMA”, “TUDO AZUL” ed “EMMANUEL”.

Con questa COMPILATION Antonio Onorato FESTEGGIA 20 anni di carriera discografica, presentandola presso Feltrinelli, a Bari, in un grande incontro che susciterà emozione e forte empatia.
L’artista arrivato con Emmanuel al suo 18° progetto, ha dimostrato di essere un chitarrista e un compositore eclettico che riesce ad abbracciare vari generi.

 

Il comune denominatore del progetto sarà il viaggio: “corde di chitarre che diventano strade per unire le coste del Mar Tirreno, luogo di partenza, al Brasile, all’Africa… all’America”.

I brani scelti sono quelli che hanno avuto maggior successo; ritmi e ballads suggestivi si alternano con alcuni brani più acustici e melodici. Non mancheranno quelli cantati. In “Voglio stare qui” c’è la chitarra e la voce del grande musicista brasiliano Toninho Horta; nei brani “Africa” e “Mama” invece, la voce sarà quella del cantante africano Dodo Miranda.

LA SCELTA è VARIEGATA E DI CERTO QUESTO PROGETTO ANDRà A TOCCARE IL CUORE DI TUTTI.

 

Modera l’incontro ALCESTE AYROLDI, critico musicale, a partire dalle ore 18:30.