Dolci suoni di Donne

Immagine1.jpgEvento benefico a sostegno della Onlus Mensa Caritas Cattedrale di Bari.
Le sorelle Maria Grazia ed Elisabetta Pani, unite nell’arte e nella vita dall’arte e dalla musica, tornano a richiesta del loro amato pubblico con il Recital “Dolci Suoni di Donne”, l’attenzione delle sorelle Pani per l’universo femminile si è espressa e manifestata pienamente negli ultimi anni attraverso i loro “spettacoli- concerto” di TeatrOpera come “Donne della finzione, Donne della realtà”, “Giuro di dire tutta la verità” e “La Traviata allo Specchio”.
“Dolci Suoni di Donne” propone un viaggio in una galleria sonora che racchiude alcuni capolavori della creazione musicale di autori diversi per nazionalità, stile ed epoca, ma con una cosa in comune: la capacità di scrivere musica dedicata alle donne, in cui le protagoniste assolute sono donne.
Non mancherà un omaggio a Richard Wagner con l’interpretazione di uno dei Lieder che il compositore scrisse su testi poetici di Matilde Wesendonck, e della famosa trascrizione di Liszt per pianoforte solo sulla “Morte di Isotta” interpretata da Elisabetta Pani che renderà omaggio anche a Gershwin con una rivisitazione per piano solo della celebre canzone “The man I love”.
Maria Grazia Pani darà voce a fanciulle eteree (Romance di Debussy) che attendono il loro innamorato al balcone aspettando una serenata (Musica Proibita di Gastaldon), e a “femmine” passionali e conturbanti seduttrici (Carmen di Bizet e Je te veux di Satie) giungendo sino alle eroine pucciniane del sacrificio assoluto per amore: Madama Butterfly e Tosca.
Una galleria al femminile ricca e affascinante. Una “giostra linguistica” sorprendente: Maria Grazia Pani canterà infatti oltre che in italiano, in tedesco, in francese, in inglese e …in dialetto napoletano.
Un viaggio musicale in “rosa” per un programma musicale da non perdere.

artinpuglia@libero.it
Bari(Bari)
Auditorium La Vallisa
ore 20.30
ingresso a pagamento
euro 10,00
Info. 3398147446

Dolci suoni di Donneultima modifica: 2012-03-16T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento